Tag

, , , ,

RT
[28.03.2012]      trad. di Levred per GilGuySparks

Gli Stati Uniti stanno inviando un gruppo di assalto anfibio e un paio di migliaia di Marines statunitensi nel Golfo Persico. Mentre un’altra portaerei statunitense si fa strada a due passi dall’Iran, l’esercito degli Stati Uniti insiste ancora che questo è un “dispiegamento regolarmente programmato“.

Il Gruppo di Pronto intervento Anfibio Iwo Jima è composto dalla nave d’assalto anfibia USS Iwo Jima, dall’unità da trasporto anfibio (dotata di un bacino allagabile con il compito di sbarcare truppe di assalto anfibio in zone di guerra con il loro equipaggiamento bellico e logistico ndr) USS New York e dalla nave approdo anfibia USS Gunston Hall. [Il gruppo] è anche rinforzato con un sommergibile atomico e uno squadrone di elicotteri della marina.

Il gruppo, che è “una forza navale versatile che può essere adattata per una gamma di missioni,” ha lasciato il porto martedì e si sta dirigendo verso il Golfo, sostiene la Marina statunitense.

Oltre 2.000 Marines degli Stati Uniti saliranno a bordo della Iwo Jima, quando il gruppo farà tappa in Nord Carolina. Molti di questi marines sono veterani del combattimento di terra in Iraq e in Afghanistan, cosa che rende questo il loro primo dispiegamento a bordo di una nave, sottolinea dailypress.com.

Gli Stati Uniti hanno già un gruppo anfibio con una unità del corpo di spedizione dei Marine nella regione del Golfo. Il Makin Island Amphibious Ready Group è stato dispiegato in gennaio, dopo la minaccia iraniana di chiudere lo Stretto di Hormuz, un percorso fondamentale che consente l’erogazione di circa il 20 per cento del petrolio mondiale.

L’Iran ha più volte ribadito questa minaccia negli ultimi sei mesi, mentre gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO hanno continuato ad aumentare la loro presenza navale nella regione.

Gli Stati Uniti sono consapevoli che l’Iran ha risorse sufficienti a minare lo stretto in un periodo di tempo relativamente breve. Il generale Martin Dempsey, presidente dello Stato maggiore Congiunto statunitense, ha detto in precedenza che gli Stati Uniti devono essere pronti a riaprire lo Stretto di Hormuz con la forza.

Nel mese di marzo, gli Stati Uniti hanno inviato altre quattro cacciamine ad unirsi a quelle già dispiegate, portando il numero complessivo della regione a otto.

Due gruppi d’attacco di portaerei statunitensi, guidate dalla USS Carl Vinson e dalla USS Abraham Lincoln, pattugliano le acque intorno allo stretto. Un’altra portaerei, la USS Enterprise, si prevede si unisca a loro il mese prossimo.

Anche se molti funzionari statunitensi, tra cui il presidente Obama, insistono ancora nell’usare la diplomazia e le sanzioni, essi ammettono che “sono sul tavolo tutte le opzioni” per costringere l’Iran ad abbandonare il suo programma nucleare.

Intanto, Israele – il più stretto alleato degli Stati Uniti nella regione – considera il nucleare iraniano come “una minaccia reale”, che deve essere affrontata al più presto possibile. La scorsa settimana, il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak, ha parlato di un termine di tre mesi per l’Iran affinchè rinunci alle sue ambizioni nucleari oppure affronti un attacco imminente.

http://rt.com/news/us-amphibious-group-land-operation-iran-663/

*******************************************************************

  • US gears up for land operation in Persian Gulf?
RT
28 March, 2012

The US is sending an amphibious assault group and a couple of thousand US Marines to the Persian Gulf. With another US carrier making its way to Iran’s doorstep, US military still insist that this is a “regularly scheduled deployment”.

­The Iwo Jima Amphibious Ready Group is comprised of amphibious assault ship USS Iwo Jima, amphibious transport dock USS New York, and amphibious dock landing ship USS Gunston Hall. It is also reinforced with an atomic submarine and a marine helicopter squadron.

The group, which is “a versatile sea-based force that can be tailored to a variety of missions,” left port on Tuesday and is heading to the Gulf, the US Navy says.

Over 2,000 US Marines are to come on board Iwo Jima when the group makes a stop in North Carolina.
Many of those marines are veterans of ground combat in Iraq and Afghanistan making their first shipboard deployment, dailypress.com points out.

The US already has an amphibious group with an expeditionary marine unit in the Gulf region. The Makin Island Amphibious Ready Group was deployed there in January, after Iran’s threat to close the Strait of Hormuz, a crucial route that allows the delivery of around 20 per cent of the world’s oil.

Iran has repeatedly reiterated this threat over the last six month, while the US and its NATO partners kept increasing their naval presence in the region.

The US is aware that Iran has enough resources to mine the strait within a relatively short period of time. General Michael Dempsey, Chairman of the US Joint Chiefs of Staff, said earlier that the US must be prepared to reopen the Strait of Hormuz by force.

In March, the US sent another four minesweepers to join those already deployed there, bringing the overall number in the region to eight.

Two US aircraft carrier battle groups, headed by the USS Carl Vinson and USS Abraham Lincoln, are patrolling the waters around the strait. Another carrier, USS Enterprise, is expected to join them next month.

Although many US officials, including President Obama, still insist on using diplomacy and sanctions, they admit that “all options are on the table” to force Iran to drop its nuclear program.

Meanwhile, Israel – the closest US ally in the region – considers nuclear Iran to be “an existential threat,” which needs to be dealt with as soon as possible. Last week, Israel’s Defense Minister Ehud Barak, spoke of a three-month deadline for Iran to give up its nuclear ambitions or face imminent attack.

http://rt.com/news/us-amphibious-group-land-operation-iran-663/

_______________________________________________________________________

About these ads