Tag

, , , , , ,

  • La NATO rinnega la sua missione

di Thierry Meyssan (Réseau Voltaire | Tripoli (Libia) | 11 agosto 2011)
http://www.voltairenet.org/NATO-reneges-on-its-mission

Traduzione: Levred

Dopo 150 giorni di bombardamenti, la NATO ha raso al suolo numerosi servizi mentre fallisce nel conseguire risultati militari convincenti. Ciò è in gran parte a causa della sua mancanza di alternative strategiche. In Libia, la Nato, è assodato, avrebbe potuto applicare gli stessi metodi classici che sono stati concepiti per ambienti diversi. Ora è bloccata in un dilemma. La più grande alleanza militare della storia, che è stata inizialmente creata per confrontarsi con l’URSS e fu poi destinata a diventare il poliziotto del mondo, è caduta deplorevolmente, a corto dei suoi stessi obiettivi reciclati.

________________________________________________________

Sia la vittoria militare e che la sconfitta sono misurati sugli scopi prestabiliti della guerra. Nel caso del suo intervento in Libia, gli scopi della NATO nell’ambito di un mandato delle Nazioni Unite avrebbero dovuto proteggere i civili e, allo stesso modo in maniera ufficiale anche se al di fuori del mandato, spingere verso un cambio di regime politico del paese.

Dopo quasi 150 giorni di guerra, la forze NATO non sono riuscite a scuotere le istituzioni della Libia. Considerando la disparità di forze opposte, una sconfitta militare è la conclusione inevitabile e la strategia adottata dovrebbe essere messa in discussione.

L’Alleanza erroneamente stimò che le tribù d’Oriente e del Sud del paese, che erano ostili a Muammar Gheddafi, avrebbero potuto facilmente prendere Tripoli  fino a quando potevano contare sul sostegno aereo. Come si è scoperto, queste tribù hanno percepito i bombardamenti come una aggressione straniera e si sono radunati attorno al “Fratello guida” per respingere l’invasione “crociata” della Libia.

Da quel momento, l’Alleanza è stata lasciata con solo due componenti terrestri: da una parte i 3 000 soldati, addestrati alla battaglia, al seguito del generale Abdel Fatah Younes quando disertò (da Gheddafi n.d.t.), e d’altra parte le centinaia, forse migliaia, di combattenti arabi appartenenti alle reti del principe saudita Bandar Bin Sultan, nota come “Al-Qaeda”.

Dopo l’omicidio del generale Younes da parte degli jihadisti di Al-Qaeda, in condizioni particolarmente atroci, le forze ribelli si sono accartocciate. I soldati di Younes hanno rotto i ranghi, unendosi al colonnello Gheddafi per combattere Al-Qaeda e vendicare il loro leader. Il comando operativo ribelle è caduto nelle mani di Khalifa Haftar, vale a dire agli ordini delle forze speciali della CIA. L’agenzia allora si è affrettata a reclutare combattenti indiscriminatamente, compresi bambini soldato.


Questo esercito di fortuna e fluttuante, che annuncia una vittoria ogni due giorni, ha infatti raccolto sconfitta dopo sconfitta. Ogni battaglia ricrea lo stesso scenario, con ogni bombardamento NATO che costringe la popolazione ad abbandonare le proprie case. Così, la città viene rapidamente investita da forze ribelli che annunciano che hanno guadagnato terreno. Solo allora la battaglia comincia. L’esercito libico entra nella città e massacra i ribelli. A quel punto, la popolazione ritorna in modo sicuro al villaggio parzialmente distrutto. L’Alleanza Atlantica può assumere un’interpretazione estensiva della risoluzione 1973 e si ritiene che, sebbene il testo vieti esplicitamente il dispiegamento di truppe straniere sul suolo, tale distribuzione sia legittima se mira a “proteggere i civili”. In tali circostanze, la NATO avrebbe dovuto affrontare una popolazione armata fino ai denti e pronta per la battaglia. Infatti, la Libia ha consegnato un kalashnikov ad ogni adulto e istituito un sistema di distribuzione delle munizioni gestita dal popolo. Anche se la popolazione libica non è addestrato allo stesso livello le truppe della NATO, ha un chiaro vantaggio su di loro, nel senso che è disposto a subire pesanti perdite, mentre i soldati della Nato non sono disposti a morire per Tripoli.

Fin dall’inizio del conflitto, gli strateghi di Washington hanno sottovalutato l’importanza di tutto questo in vista della loro supremazia come forza aerea.

Questa dottrina, indiscussa negli Stati Uniti, sta gradualmente diffondendosi nelle accademie militari degli Stati membri dell’Alleanza, anche se è stata ampiamente criticato fino ad ora. Essa deriva dalle lezioni apprese dal generale Giulio Douhet dalla guerra italo-ottomano, che è la guerra libica del 1911. Al momento, gli italiani avevano sperimentato a Tripoli il primo bombardamento aereo della storia. Spaventato da questa nuova arma, l’Impero ottomano capitolò senza combattere e le truppe italiane presero possesso di Tripoli senza sparare un colpo. Douhet quindi concluse che era possibile vincere una guerra usando soltanto la forza aerea. Questa analisi è falsa, poiché confonde l’atto di esproprio della terra libica dagli Ottomani con il fatto di controllare la Libia. Il combattimento vero e proprio ha avuto luogo solo più tardi, con la sollevazione del popolo libico.

Alcuni possono pensare che ci sia una maledizione libica. In ogni caso, è su questo stesso terreno che esattamente un secolo dopo il medesimo errore concettuale è stato ripetuto. Il dominio dell’aria ha permesso che legalità libica potesse essere ritirata alla Jamahiriya e affidata al Consiglio nazionale di transizione, ma questo non ha avuto alcuna conseguenza sul terreno. Per controllare il paese, la NATO avrebbe dovuto inviare truppe di terra e, come gli italiani negli anni 1912-14, uccidere più della metà della popolazione di Tripoli, che non è esattamente lo spirito della risoluzione 1973.

L’Alleanza Atlantica aveva, fino ad ora, pianificato la sua strategia di bombardamenti in accordo alla dottrina Douhet e ai miglioramenti che sono stati portati ad essa, in particolare dalla teoria dei cinque cerchi di John A. Warden III, che è stata sperimentata in Iraq. L’idea è che gli obiettivi non devono essere scelti con lo scopo di distruggere le forze armate del nemico, ma di paralizzare i suoi centri di comando, soprattutto recidendone gli strumenti di trasmissione e di traffico.

La Nato così ha aperto gli occhi sul fatto che la Jamahiriya non è uno slogan, ma una realtà. Il paese è governato dai congressi delle persone e Muammar Gheddafi ha ridotto la maggior parte delle amministrazioni alla loro più semplice espressione. Non ci sono grandi ministeri da poter trovare qui, solo piccoli uffici. I ministri non sono personalità di alto profilo, ma semplicemente leader di gruppi. Sono i consulenti che assistono le persone attraverso le loro potenti abilità. Il potere è diluito e sfuggente. Quello che era un mal di testa per gli uomini d’affari che hanno visitato la Libia, cioè trovare il giusto interlocutore, è ormai diventato un enigma per gli strateghi della NATO: chi deve essere un bersaglio? Dopo cinque mesi di bombardamenti, devono ancora farsene un idea.


La sola testa al di sopra della folla è quella di Muammar Gheddafi. L’Alleanza Atlantica ha una fissazione per Gheddafi. Non è lui il “Padre della Nazione”? Eliminando lui, avrebbero distrutto il principio di autorità nella società libica, che immediatamente scivolerebbe in uno scenario simile a quello iracheno e precipitarebbe nel caos. Ma, a differenza del precedente iracheno, la struttura tribale e l’organizzazione orizzontale del potere durerebbe. Anche se lacerato da conflitti interni, il popolo libico rimane un’entità organica di fronte all’invasione straniera. Non solo questo non risolverebbe alcun problema militare, ma cnfonderebbe i limiti del teatro delle operazioni; la guerra inevitabilmente si espanderebbe in Nord Africa così come in Europa meridionale. In definitiva uccidere Gheddafi sarebbe probabilmente la soluzione peggiore.

In assenza di qualsiasi strategia adeguata, l’Alleanza Atlantica ha ripristinato i vecchi riflessi della cultura militare degli Stati Uniti, quelli delle guerre di Corea e del Vietnam: rendere la vita impossibile per la popolazione in modo che si rivolti contro la sua “Guida” e infine la rovesci. Così, fin dall’inizio del Ramadan, la NATO ha rafforzato il blocco navale per tagliare le forniture di benzina e alimentari; ha bombardato centrali elettriche e sistemi di approvvigionamento idrico; distrutto le cooperative agricole, i piccoli porti di pesca e dei mercati coperti.

In breve, le azioni dell’Alleanza in contrasto con ciò che il Consiglio di sicurezza dell’ONU e alcuni parlamenti degli Stati membri hanno chiesto: invece di proteggere la popolazione civile contro un tiranno, sono intenzionate a terrorizzare i civili per farli insorgere contro il leader che supportano.

Questa strategia dovrebbe continuare fino alla fine del Ramadan. All’alleanza rimarranno quindi tre settimane per cercare di segnare una significativa vittoria prima che l’orologio batta le dodici: il 19 settembre, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si riunirà a New York e potrebbe chiedere spiegazioni circa l’operazione in corso, si noti l’incapacità del Consiglio di sicurezza Consiglio a ripristinare la pace, e di imporre le proprie raccomandazioni.

In preparazione per la ripresa dei combattimenti a terra all’inizio di settembre, la NATO sta armando i ribelli di Misurata e ripulendo la strada che utilizzeranno per impadronirsi di Zlitan. Con la Francia che ancora una volta si è rifiutata di consegnare le armi, il Qatar, a dispetto dell’embargo ONU, si è visto obbligato a trasportarle in aereo. Nella notte tra 8 e 9 agosto, l’Alleanza ha ripulito la collina Majer, che potrebbe servire come avamposto per difendere Zlitan. Nell’azione ha bombardato aziende agricole e tende dove erano state riparate venti famiglie sfollate, uccidendo 85 persone tra cui 33 bambini.

___________________________________________________________________

I ribelli cacciati fuori da Tawurgha dalla tribù Bani Walid  (August 13, 2011)