Tag

, , ,

Diario di Libia: chiarire le ultime notizie spazzatura dei media sulla Libia

16 Agosto 2011 da lizziephelan
traduzione di Levred

Mentre i giornalisti che soffrono di claustrofobia all’interno dell’hotel Rixos a Tripoli, pubblicano i loro sogni che i servi dell’imperialismo (i ribelli / ratti) hanno preso Zawiya, Ghuriyan e Sorman, essi ignorano un momento decisivo nella crisi.

Questo è la liberazione della zona di Misratah fino ad ora in mano ai ribelli. La notte scorsa l’esercito libico si è spostato nel centro della città e ora i ribelli sono intrappolati tra Misratah e Tawergha. Il 75 per cento della città è stato assicurato incluso il porto, che è stata un’ancora di salvezza per i ribelli per ricevere spedizioni di armi e altri rifornimenti, oltre ad essere una via di trasporto fondamentale per loro.

Lo ha confermato oggi il portavoce del governo Dr. Ibrahim Moussa in una conferenza stampa dai leader tribali di oltre 200 tribù libiche. Questo include quattro dei leader di quattro delle più grandi tribù libiche che costituiscono la metà della popolazione libica: Warfalla, Tarhouna, Zlitan, Washafana. Hanno tutti sostenuto il leader Muammar Gheddafi.

I leader delle tribù libiche alla conferenza stampa

Il leader della tribù Tawergha

I leader tribali hanno inoltre confermato che Zawiya, Ghuriyan e Sorman sono sicure, in contrasto con le affermazioni, provenienti dai giornalisti stranieri a Tripoli e a Djerba (Tunisia), che sono state prese dai ribelli. Ci sono sacche di ribelli in queste zone, ma essi sono isolati e circondati dall’esercito libico e dalle tribù libiche. Ma, naturalmente, le affermazioni di alcuni giornalisti mainstream che non hanno con sé alcuna conoscenza della Libia determineranno l’opinione pubblica orientalista dell’Occidente. Queste affermazioni stanno in contraddizione stridente con i rapporti delle tribù libiche che naturalmente conoscono la loro terra con una grande intimità.
E ‘chiaro che queste affermazioni sono state progettate per cercare di sollevare il morale dei ribelli, che vanno solo da un disastro all’altro, e anche per cercare di creare il panico tra la popolazione libica. Inoltre, loro hanno dovuto disperatamente cercare di ottenere qualche vittoria prima del 17 agosto (17° giorno di Ramadan), una data molto importante nel calendario islamico. Questa è stata la data della vittoria del Profeta Muhammad nella battaglia di Badr.
Tuttavia, tutti gli sforzi della stampa internazionale per creare confusione e panico sulla terra di Libya sono anche sempre state rapidamente rovesciati dopo un discorso del leader Muammar Gheddafi. Questo è stato consegnato ieri sera per telefono ai sostenitori che erano accorsi nella Piazza Verde. Ha ribadito i suoi appelli al popolo libico a rimanere saldo nello sconfiggere gli alleati della NATO a terra e la stessa NATO.
Così la guerra mediatica continua. E nel caso qualcuno stia ancora effettivamente guardando Al Jazeera, che è stata al centro della cospirazione contro la Libia, qui Afshin Rattansi di Press TV manda in onda filmati di un incontro editoriale di Al Jazeera con l’emiro del Qatar e nientemeno che uno con Tzipi Livni di Israele.
Giusto per chiarire alcune delle più merdose notizie che escono sulla stampa internazionale: Il ministro degli Interni Nassr al-Mabrouk, che la stampa occidentale pretende abbia “disertato” (n.d.t. in Italia lo ha sostenuto Rai News ieri 15.08.2011) è ***in onda ***  in questo momento (03:05 ora libica) sul talkshow più popolare di Libia a dire che aveva lasciato (n.d.t. il suolo libico) perché aveva necessità di andare per un’operazione e che lui è ancora al 100 per cento con Gheddafi.

Infine, stiamo ancora aspettando la conferma assoluta di rapporti secondo cui il comandante ribelle Khalifa Hefter sarebbe stato catturato da forze pro-Gheddafi. Ciò, ovviamente, getterebbe i ribelli in un caos ulteriore dopo l’assassinio dell’altro ex generale ribelle Abd al Fatah Younis da parte di Al Qaeda (che attraversa tutti i ranghi dei ribelli). Hefter stava vivendo in Virginia per 20 anni, lavorando come agente della C.I.A., fino a che non è iniziata la crisi quando è rapidamente ritornato in Libia per unirsi al Consiglio Nazionale di Transizione.

Fonte: http://lizziesliberation.wordpress.com/2011/08/16/libya-diary-clearing-up-the-latest-media-rubbish-on-libya/