Tag

,

Campagna internazionale per fermare la guerra in Libia

Un elenco di cose che si possono fare: si organizzano e si attivano …

Di Timothy Bancroft-Hinchey e Adam King

[traduzione di Levred]

Ormai l’informazione proveniente dalla Libia è chiara agli occhi di tutti, ad eccezione delle agenzie di stampa occidentali che continuano a diffondere menzogne, ma ormai sono tiepide parole d’ordine pronunciate senza alcuna convinzione. Il popolo libico, i giovani libici, sono, in generale, con Muammar al-Qathafi e hanno l’ultima parola, non Obama, Sarkozy e Cameron.
E ‘chiaro che le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU (UNSC) 1970 e 1973 (2011) si basavano su informazioni errate, che il governo libico non stava attaccando i civili, ma piuttosto, terroristi armati, armati dagli amici di quei paesi della NATO che oggi attaccano la Libia. E ‘chiaro che la Jamahiriya libica, che è il popolo della Libia nelle loro conferenze del popolo e nei comitati del popolo stanno prendendo tutte le misure ragionevoli per limitare le vittime civili e anche l’adozione di misure per ridurre le vittime tra i terroristi. E’ evidente che la Jamahiriya libica sta seguendo il diritto internazionale alla lettera. Dato che i “civili” sono stati il ​​fondamento giuridico alla base UNSC 1970 e 1973 (2011) e dato che queste vittime civili non esistevano, allora la base di queste risoluzioni è il vuoto.

E ‘chiaro che la NATO ha violato, di volta in volta, il diritto internazionale (Carta delle Nazioni Unite, delle Convenzioni di Ginevra e le risoluzioni del Consiglio di sicurezza) nel non avere il consenso del consiglio militare  delle Nazioni Unite, necessario per una tale azione, e anche nell’attaccare strutture civili con armamenti militari (da quando un approvvigionamento idrico e di una rete elettrica sono considerate infrastrutture di comando e controllo?). La NATO ha anche armato le forze del terrorismo (molte delle quali straniere) contro la Risoluzione 1973 e ha fornito truppe sul terreno, sotto forma di mercenari, mentre conduceva campagne di menzogne ​​attraverso i media. La NATO arbitrariamente preso di mira una casa di famiglia della famiglia Gheddafi, massacrando Saif al-Arab al-Gheddafi e tre dei nipoti di Muammar Gheddafi, il fondatore della Jamahiriya. Sotto quali regole di ingaggio è stato effettuato questo atto di omicidio? Nessuno. Questo è un crimine di guerra.

Per queste ragioni, dal momento che le risoluzioni del Consiglio di sicurezza in vigore sono nulle e poiché l’aggressione imperialista della Nato contro la Libia viola la legge internazionale, per vari motivi, noi, la comunità mondiale, prendiamo questa questione nelle nostre mani, nelle settimane che verranno al quarto Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che  vota sulla Libia che coincide con una meravigliosa opportunità per la pace, la Giornata Internazionale della Pace (21 settembre).

Esortiamo i nostri fratelli e sorelle nella comunità mondiale a prendere una decisione: State con noi, cittadini del mondo, o  altrimenti prenderete posizione a favore della NATO, in favore dell’uccisione di civili libici, a favore del massacro di bambini, in favore di una violazione del diritto internazionale, a favore di interferenza arbitraria negli affari interni di Stati sovrani, nell’aiutare e armare terroristi al fine di servire gli interessi delle lobby che controllano la politica della NATO. Quelli che stanno con noi sono nostri fratelli e sorelle. Quelli che stanno contro di noi sono i nostri nemici e sono i nemici dell’Umanità.

La scelta è cristallina, ed è stata fatta, in questo momento. Da che parte state?

Cittadino della Comunità Mondiale, la Confraternita delle Nazioni

Un azione che possiamo intraprendere

E ‘ormai evidente che la Francia, Regno Unito e Stati Uniti, membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU, sono totalmente e completamente impegnati in atto illegale della NATO di massacro. La Repubblica Popolare della Cina, tuttavia, non lo è, né lo è la Federazione russa, nonostante il loro voto di astensione in Consiglio di sicurezza dell’ONU 1973 (2011) e nonostante la recente firma del 1973 dal rappresentante russo presso l’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite), ordinata dal presidente Medvedev della Russia.

1. Una campagna mail che esprima la solidarietà internazionale contro la campagna della NATO (utilizzando il proprio testo o questo dalla parte superiore fino alla parte “Azione possiamo intraprendere”).

Inviato alle autorità cinesi:

chinamissionun@gmail.com

2. Far partire e inviare petizioni agli stessi indirizzi. Far partire queste ora perché abbiamo tre settimane prima delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza che sono oggetto di revisione;

3. Una campagna per raggiungere i giovani attraverso la cultura, mettendo in ridicolo la NATO, attraverso iniziative quali canzoni rap con testi anti-NATO, campagne di murales, nelle quali vengano messe tavoli in luoghi pubblici e le persone possano scrivere i loro messaggi, campagne  I Nostri Bambini Contro la NATO;

4. Marce legali Pro Humanity. Suggerisco un facile slogan da ricordare come NATO KILL!

5. Una campagna di T-shirts, con il semplice motto NATO TARGET;

6. Portare la NATO nell’agenda politica. Quali basi costituzionale ha la NATO o la regina d’Inghilterra per avere il controllo della politica estera del proprio paese? Hai votato per la NATO? E allora perché la NATO controlla la tua politica, spende i tuoi soldi e commette crimini di guerra nel tuo nome?

7. Campagne di sensibilizzazione. Utilizzare i social network per diffondere la verità sulla Libia e quello che sta succedendo, riguardo alla NATO che sostiene terroristi e la sua aggressione contro l’Africa in nome delle lobbies dell’energia, delle banche, delle armi, delle telecomunicazioni e della droga che vogliono controllare il commercio in Africa e contro il quale Muammar al-Qathafi ha combattuto – inviare le persone a www.bit.ly/LibyaTruth;

8. Informare voi stessi circa la vera natura democratica della Jamahiriya. Leggere il Libro Verde, un manuale per la governance democratica scritto da Muammar Qathafi (che tra l’altro è un uomo aperto) – può essere trovato al facile da ricordare www.GreenCharter.com o direttamente presso: www.greencharter.com/files/gb.htm

9. Informarvi sui risultati della rivoluzione libica di Muammar Qathafi;

10. Iscriviti a favore della democrazia partecipativa diretta registrandoti alla Conferenza dell’Organizzazione internazionale del popolo: www.PeoplesConference.org/reg

Fonte:  International campaign to stop the war in Libya      http://mathaba.net/news/?x=628035