I maggiori mezzi d’informazione hanno falsificato i rapporti sulla Libia

August 18th, 2011

by Stephen Lendman

Traduzione:levred

I principali media si specializzano in quello che sanno fare meglio: rovesciare la verità (sinonimo di cattiva fiction), non fare ciò che i giornalisti sono tenuti a fare, il loro lavoro, e in particolare coprire le guerre imperiali per il dominio e per le sostanziose spoliazioni.

Con il Consiglio nazionale di transizione (NTC) di Libya che cade a pezzi e le forze ribelli allo sbando, i titoli di oggi, riportati da una indipendente non-a-letto-con*  giornalisti ed altre fonti, smentiscono la verità  (*n.d.t. gioco di parole  un-bed-with con unbedded  giornalismo che compila i reports seguendo le veline rilasciate dalle unità  militari sul campo).
Il 16 agosto il diario libico di  Lizzie Phelan “ha chiarito le ultime notizie spazzatura dei media sulla Libia”, dicendo:

Le forze di Gheddafi hanno liberato la città di Misurata “finora in mano ai ribelli”. “La scorsa notte, l’esercito libico si è spostato nel centro della città, e ora i ribelli sono intrappolati fra Misurata e Tawergha”. Circa tre quarti della città  son al sicuro, compreso il suo porto, ” che è stato un’ancora di salvezza” per il trasporto ai ribelli di armi e di altre forniture.
Circa 200 tribù  (includendo le quattro più grandi che comprendono la metà della popolazione) hanno partecipato  ad una conferenza stampa, il portavoce dei media della Libia, il Dr. Ibrahim Moussa, lo ha confermato. Le quattro principali, tra cui Warfalla, Tarhouna, Zlitan e Washafana, tutte stanno in appoggio a Gheddafi.
“I leader tribali hanno inoltre hanno anche confermato che Zawiya e Sorman sono sicure, in contrasto con le asserzioni
(false)  dei giornalisti stranieri (un-bed-with)  a Tripoli e Djerba (Tunisia) che [hanno sostenuto] fossero state prese dai ribelli.”
Inoltre, le affermazioni che i ribelli controllino  Ghuriyan non sono vere. Scontri ancora in corso proseguono.

I principali reports dei media mentono, anche se sacche di resistenza dei ribelli rimangono. Tuttavia, sono “isolati e circondati dall’esercito libico e dalle tribù”.
I rapporti falsificati dei media  principali sono in netto contrasto alle affermazioni delle “tribù libiche  che,  naturalmente, conoscono la loro terra profondamente”.


E ‘chiaro che i boss dei media vogliono libici demoralizzati che pensino che tutto è perduto così che rinuncino.  Inoltre, la NATO sta “disperatamente cercando di ottenere qualche vittoria prima del 17 agosto (17 ° giorno di Ramadan), una data molto importante nel calendario islamico.
Il 17 ° giorno di Ramadan nel 624 d.C. nel calendario islamico, il Profeta Muhammad riportò un’importante vittoria a Badr, in Arabia Saudita ai giorni nostri. E ‘stato un punto di svolta fondamentale contro i suoi avversari.

Sull’avanzata veloce di oggi  le fonti dei maggiori media falsificano i rapporti “per creare confusione e panico sul terreno.”
In un discorso telefonico del 15 agosto inviato ai sostenitori ammassati in Piazza Verde, Gheddafi “, ha ribadito i suoi appelli per il popolo libico a rimanere saldi nello sconfiggere gli alleati della Nato a terra e della stessa  Nato.”
Phelan ha anche riportato notizie non confermate che dicono che sarebbe stato catturato il comandante ribelle Khalifa Hefter,  ex ufficiale dell’esercito [libico] trasformatosi in risorsa della CIA, che aveva precedentemente vissuto vicino a Langley, il quartier generale  della CIA in Virginia, a partire dai primi anni 1990.

Se fosse vero, creerebbe ancora più scompiglio tra i leader del Consiglio Nazionale di Transizione (TNC), forse sarebbe meglio descritto come la banda che non può sparare o procurarsi le proprie storie in maniera leale.

“Così la guerra mediatica va avanti”, ha detto Phelan, sul terreno a Tripoli, riportando importanti verità sul suo sito Lizzie’s Liberation, al quale si accede tramite il seguente link:

http://lizziesliberation.wordpress.com/

Contrastando i rapporti falsificati dei più grandi media

La volgarità del mentire non ha bisogno di commento. Farlo per una vita è più che una vergogna. Non scoraggia gli acquirenti, tuttavia, come titolano gli scrittori David Kirkpatrick e Kareem Fahim del New York Times, “Un alto funzionario libico sembra defezionare, come i ribelli difendono i recenti guadagni “, dicendo:

Il ministro Nassr al-Mabrouk “è atterrato al Cairo in un aereo privato con nove membri della famiglia che erano in viaggio con visti per turismo …. La defezione potrebbe segnalare una nuova crepa nel governo di Gheddafi ….”

Riscontro del fatto:

Al-Mabrouk non ha defezionato, come ampiamente riportato. Ha lasciato per un intervento al Cairo, dicendo che sta saldamente con Gheddafi. Non sorprende che volesse membri della famiglia con lui per un sostegno.

Kirkpatrick e Fahim hanno continuato dicendo: “i (R)ibelli, incoraggiati dai loro guadagni nei giorni scorsi, stanno perdendo la spinta a fare delle concessioni”.

Riscontro del fatto:

Le vittorie ribelli falsificate sono, infatti, sconfitte non dichiarate e confusione. Inoltre, senza il sostegno aereo della NATO, sarebbero stati sbaragliati mesi fa. La copertura aerea ha anche dato la possibilità  alla NATO di massacrare e ferire migliaia di civili libici, così come causare una distruzione di massa orribile, collegata ad obiettivi imperiali, non militari.
Entrambi gli scrittori del Times hanno anche riportato le pretese dei ribelli di avere circondato Tripoli così come di aver tagliato le linee di rifornimento chiave. Niente di tutto questo è vero, ma controllare i fatti non fa parte del lavoro di descrizione degli scrittori del Times – che riportano solo resoconti ordinati dai loro padroni.

Da Tripoli, una giornalista indipendente analista del Medio Oriente e Asia centrale, Mahdi Nazemroaya  ha spiegato in una e-mail questa mattina:

“L’insurrezione è stata  sconfitta a Misurata. La NATO ha risposto con bombardamenti massicci. Una via è controllata. Zawiya e Sorman non sono cadute. Ci sono stati attacchi lungo il percorso. Stanno cercando di tagliare le vie di approvvigionamento ma non ci sono riusciti.

Il 15 agosto, la scrittrice Leila Fadel del Washington Post non ha fatto meglio di altri resoconti titolando, “Gheddafi isolato, come avanzano i ribelli, aiutante vola al Cairo,” falsificando la stessa propaganda come le loro controparti del Times, e sostenendo che  i ribelli tengono “una morsa sulla capitale libica, Tripoli. ”

A Londra sono complici anche scrittori del Guardian , che titolano le seguenti storie del 15 agosto e 16 agosto, meglio chiamarle come menzogne ​​dei media:

15 agosto: “Il ministro dell’Interno della Libia vola in Egitto in un apparente defezione”
15 agosto: “ribelli libici entrano nella città petrolifera dove una battaglia decisiva può ancora essere combattuta”

Riscontro del fatto: Zawiya, fu riferito, era saldamente controllata dalle forze di Gheddafi.

15 agosto: “Nessuna situazione di stallo in Libia – la scritta è sul muro per Gheddafi”
16 agosto: “La Libia mostra segni di scivolare dalle mani di Muammar Gheddafi”
16 agosto: “Live Siria, Libia e Medio Oriente disordini – aggiornamenti in tempo reale,” molti, nei fatti, falsificati come gli altri.

Anche Al Jazeera è complice di dichiarazioni mistificate  sulla Libia. Il 16 agosto ha titolato, “ribelli libici spingono per isolare Tripoli,” suonando più come CNN, Fox News e New York Times che come [opera di] validi giornalisti.
Il rapporto, riguardo l’isolamento di Tripoli  che invece controlla la maggior parte di Zawiya, ha ripetuto la stessa disinformazione e altri fatti distorti.

Un precedente rapporto del 12 agosto ha sostenuto “Libici in fuga dicono che il regime di Gheddafi  è in pezzi”, come i ribelli avanzano verso la capitale.

Ancora una volta falsità.
Al Jazeera, ovviamente, ha sede, è  finanziata  ed è controllata dal Qatar, un partner di coalizione della Nato contro la Libia, le sue forze armate sostengono i ribelli a terra.
Come risultato, [Al Jazeera] riporta cose  prive di credibilità e deve essere evitata. Un arrabbiato editore arabo  As’ad AbuKhalil dice che è “come guardare MSNBC dopo che è stata acquistata da Murdoch”.
Naturalmente, [Al Jazeera] è priva di valore sotto il suo attuale proprietario, Comcast, e sotto quello precedente, General Electric, in particolare sulle questioni della guerra e della pace, così come sull’imperialismo senza legge statunitense.

Un commento finale

La battaglia per la Libia continua. Numeri schiaccianti sostengono Gheddafi e [i libici] vogliono il loro paese libero dal controllo imperiale. Sono anche pronti a lottare per esso, consapevoli dell’inaccettabile alternativa – colonizzazione, saccheggi, perdita della libertà, e forse della propria vita.

Quale migliore motivi per resistere a quelli!

Stephen Lendman vive a Chicago e può essere raggiunto a lendmanstephen@sbcglobal.net oppure visitare il suo blog  www.sjlendman.blogspot.com

Fonte: http://www.thepeoplesvoice.org/TPV3/Voices.php/2011/08/18/falsified-major-media-reports-on-libya