Benghazi: Terror in the Streets

di Marie Edwards 20.08.2011
Traduzione di levred

A Bengasi le case sono oggetto di irruzioni, i sospetti sono giustiziati, i vicini di casa trascinati fuori. Molte persone sono disoccupate. Le grandi aziende, tra cui la società di costruzione tedesca Bilfinger Berger, hanno abbandonato la città. I giovani fanno corse in auto facendo stridere le gomme dentro il centro abitato, altri stanno impettiti intorno ad edifici pubblici brandendo i loro coltelli. Di notte, le strade ricordano le guerre fra bande di San Paolo (in Brasile), con l’unica differenza che qui i giovani indossano i giubbotti antiproiettile.

Molti giovani universitari che stavano per completare i loro studi e per ottenere un buon lavoro stanno iniziando a essere frustrati. Uno che parla solo a condizione che egli rimanga anonimo, ha studiato economia all’Università Gharyounis. Gli fu offerto un lavoro come manager alla Bilfinger Berger e avrebbe guadagnato un buon stipendio. Ora è disoccupato. Dice dei ribelli: “Hanno meno di 30 anni e non hanno mogli. Sono orgogliosi delle armi che hanno saccheggiato dalla caserma. Non sanno come controllare se stessi. Ben presto sono diventati aggressivi. Hanno queste armi…. e si perdono.”
Le milizie di Bengasi possiedono armi sofisticate, che vanno dai missili anticarro alle granate e la gente qui parla di tribù che si preparano a saldare vecchi conti ed emergono lotte di potere. Spari sporadici dei ribelli possono essere uditi ogni giorno nella capitale, e centinaia di uomini camminano per la città armati di fucili d’assalto Kalashnikov.
La preoccupazione delle persone a Bengasi si focalizza sulle bande,  appoggiate dai ribelli, che indossano la mimetica militare, terrorizzando i cittadini e derubandoli sotto la minaccia delle armi. “Non è più sicuro viaggiare in alcune parti della città”, dice Dawud Salimi, di 41 anni. “I criminali stanno approfittando della situazione di instabilità per i loro profitti. Recentemente, essi hanno preso di mira gli stranieri. Un gruppo di uomini che indossavano abiti militari hanno fatto irruzione nella stanza d’albergo di una giornalista occidentale, che è stata aggredita e sono fuggiti con le sue apparecchiature elettroniche”.

Dall’altra parte della città di Bengasi, squadre armate vengono inviate a reprimere i sostenitori del leader libico Muammar Gheddafi. Migliaia di persone sono state arrestate nei raid notturni.
Con la copertura delle tenebre, la ‘squadra di protezione’ di Bengasi si è radunata. Parlando in sordina, con tono teso, stringendo fucili carichi, gli uomini hanno cominciato la caccia. In rapido, silenzioso convoglio guidano in tutta la città, puntando le case dei sospetti lealisti.
Gli uomini armati hanno guidato fino ad una fattoria appena fuori Bengasi. La scelta del target era stata discussa prima alla loro base in un ufficio cosparso di carte manoscritte, l’intelligence su potenziali sospetti.
Fermandosi in silenzio, smorzando la chiusura delle portiere, le dita sui grilletti delle pistole cariche, hanno preso ognuno la propria posizione. Due uomini hanno puntato le armi, come il cecchino, attraverso aperture nelle pareti esterne. Con i volti coperti da passamontagna, altri furtivamente hanno attraversato il cancello anteriore e circondato la fattoria. L’unico rumore che poteva essere sentito sotto il cielo nel chiaro di luna era il suono dei latrati dei cani da guardia.
Gli autisti attendevano, con i motori accesi. “Questo è molto, molto pericoloso. Spesso ci sono sparatorie,” ha mormorato un autista. La fattoria era vuota. Delusa, la squadra è ritornata alle auto. Verso il prossimo obiettivo.
“Sanno che li stiamo cercando. Essi non possono rimanere in un posto. Spesso corrompono i vicini per non darci informazioni”, dice il leader della squadra.

I sostenitori di Gheddafi vanno in giro in auto sparando ai passanti al fine di diffondere la paura, dicono i ribelli. “Ci sono migliaia di loro qui”, ha detto il capo banda del raid notturno. “Abbiamo molte persone -. Studenti, laureati, uomini d’affari che ancora stanno con Gheddafi sono ora in clandestinità, a organizzarsi”, dice Sami Hassan, 37 anni da sempre residente a Bengasi.

I ribelli temono che cittadini “pro-Gheddafi” a Bengasi agiscano come spie per il governo libico.
“Non fidarti di nessuno, siamo in una guerra psicologica”, ammette il portavoce del Consiglio Issam Giriani. “Anche ora, so che alcuni sono in giro mentre noi siamo qui per la registrazione”.

Forse le accuse sono vere. Ci sono segni che Bengasi non si è data alla causa dei ribelli. Un tavolo in una casa tribunale è cosparsa delle armi trovate ad assalitori infiltrati: Kalashnikov, fucili d’assalto, e dinamite. “Ci sono stati molti tentativi di attaccare la casa tribunale”, dice Ibrahim Gheriani responsabile della sicurezza.

Prima di essere fermati dagli attacchi aerei della NATO sulle loro tracce, l’avanzata di Gheddafi su Bengasi incoraggiò alcuni dei suoi sostenitori a mostrarsi.
“In due giorni vinceremo, Muammar tornerà,” ha detto un uomo a un giornalista prima di scivolare silenziosamente dietro la folla.

L’incidenza ha indotto il giro di vite da parte del leader ribelle che ha annunciato che i simpatizzanti Gheddafi avevano 24 ore di tempo per consegnare le armi. Se non lo avessero fatto, sarebbero stati trattati come assassini e nemici dei ribelli.
“Quelli con le mani macchiate di sangue saranno puniti”, dice Issam Giriani.

Alimentata dalla paura, la guerra fa crescere sospetto e diffidenza. Determinare la lealtà in questo ambiente fluido può essere un compito impossibile. Alcuni degli obiettivi sono dei sospettati con criteri pericolosamente malfermi.

Sono tutte considerate ‘prove’ di fedeltà al regime: la città natale di una persona, una fotografia del leader libico nel portafogli e i legami familiari.

“Quest’uomo è di Sirte. La maggior parte delle persone che vengono da là sono Ligen Thauria. Anche la sua famiglia viene da lì”, – dice Hani nella spiegazione del raid armato di mezzanotte alla fattoria.

I ribelli hanno un proprio “gioco[sistema]” di spionaggio. “A volte usiamo donne, vanno dentro alle case, forse fingendo di essere povere e aver bisogno di qualcosa. Là vedono se la persona ha pistole, lei cerca di trovarle.”.

I prigionieri sono portati in una base militare. Nel cortile chiuso di cemento a forma di quadrilatero, fanno ala file di prigionieri seduti. Sulla destra ci sono i detenuti stranieri, ritenuti dai ribelli esser “mercenari”. Allineati a sinistra vi sono decine di libici neri.

La loro detenzione è indefinita. “Dio sa quando mi sarà permesso di tornare a casa”, dice un libico di colore che dice di essere stato catturato a una fermata d’autobus mentre cercava di tornare a casa.

Spesso le incursioni sono guidate dall’adrenalina pompata dei giovani. Prima di uscire, nella base segreta dove si sono riuniti, la squadra di giovani ha scherzato, saltato, urlato, si è pompata per la caccia della notte. “La maggior parte di questi ragazzi sono stati miei amici fin dalla scuola”, ha detto il leader della squadra. “Andiamo!” disse al clac entusiasta della sua banda che carica le proprie armi.

Eccitato e assetato di potere il comandante ha verificato la carica del suo kalashnikov pericolosamente con un sorriso maniacale. La sua formazione militare è stata interrotta quando è stato sbattuto fuori dal college. “Ho litigato con il colonnello in un college,”- ha giurato a me, “mi ha cacciato fuori”.

Il raid può essere violento. Alcuni membri di questa banda sono stati uccisi. “Il primo raid siamo andati a trovare la gente di Gheddafi che stava commerciando armi – ha detto Hani – Ci sono stati quaranta minuti di scontro a fuoco in cui la squadra ha perso uno dei suoi uomini.” Abbiamo catturato quattro ragazzi e ne ho ucciso uno,” – ha detto con orgoglio.


I raid notturni stanno crescendo in numero e dimensione.
“Ne abbiamo preso decine la scorsa settimana”, ha detto un organizzatore della squadra che lavora al tribunale dei ribelli di Bengasi.
Dall’inizio del conflitto i ribelli hanno fatto affidamento sui loro sostenitori occidentali. I ribelli non sono riusciti ad allargare il loro fascino, proprio perché i leaders dell’opposizione sono percepiti come esattamente quello che sono: traditori.
Il popolo libico sa che i membri leader dei ribelli sono burattini imperiali.

Prima della guerra i diritti sociali ed economici sono stati così ampiamente sviluppati che la Libia ha ospitato centinaia di migliaia di lavoratori stranieri. E con tutta la sua ricchezza, la Libia è rimasta un paese socialista. Muammar Al-Qathafi chiesto: “Come si fa a non essere un socialista e a diffondere la ricchezza del proprio paese equamente tra i suoi cittadini?”

Questo fatto è stato difficile da inghiottire per i capitalisti occidentali  e le opportunità di profitto da una guerra con la Libia per i capitalisti occidentali erano semplici per passarci su. L’obiettivo di Washington e i suoi alleati consiste nella confisca e la gestione della vasta ricchezza della Libia e il controllo delle sue risorse. Così hanno avviato una politica estera che ha fatto da propellente per la guerra civile in Libia.

Ma i ribelli non sono in grado di utilizzare il vantaggio tattico che la superiorità aerea della NATO offre loro. Avessero avuto il sostegno delle masse libiche, i ribelli avrebbero guadagnato più territorio. Pochi analisti, se non tutti, ritengono che i fedelissimi del leader libico possano essere facilmente sconfitti. Reports dalla Libia indicano la crescente ondata di sostegno massiccio per il leader libico Muammar Al-Gheddafi dai suoi seguaci, che hanno frequentato raduni e dimostrato la loro disponibilità a confrontarsi con i ribelli e i loro sostenitori.

I ribelli non sono amati,considerato il discorso di Muammar Al-Gheddafi, che si rivolgeva ai suoi sostenitori di più di un milione di persone nella città nordoccidentale di Al-Zawiya non lontano da Tripoli. La folla ha raggiunto un crescendo assordante quando egli ha parlato in un messaggio registrato.

Nel frattempo le forze di governo libico hanno ripreso il controllo della maggior parte del territorio libico e quasi cinque mesi dopo l’aggressione della Nato contro la Libia, impianti petroliferi chiave e, soprattutto, la capitale fino ad ora inespugnabile sono saldamente nelle mani del governo libico.

La guerra d’informazione contro la Libia è gigantesca. Oceani di menzogne ​​e disinformazione si riversano sulle teste di ignari ascoltatori e lettori su base giornaliera. Eventi in Libia stanno mostrando come mostruose bugie orwelliane possano essere facilmente utilizzate per manipolare le menti della gente in un’epoca di tecnologie informatiche. Frontrunners in manipolazione sono quelli di Al-Jazeera del Qatar e i media occidentali. Le bugie sono talmente evidenti, che si deve chiedere perché la carta non stia respingendo la stampa.

La colpa dell’Occidente per come ci si trova ora in Libia ha un lungo pedigree. L’aggressione contro la Libia è parallela all’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq. Quest’ultima sta ancora riprendendosi dalle ferite del conflitto confessionale scatenato dall’invasione di Washington e la prima è un proverbiale fallimento della NATO.

La NATO sta perdendo e a loro non piace – farebbero bene a svegliarsi affinchè il contribuente americano non finanzi un altra enorme atrocità contro l’umanità. La verità sta venendo fuori.

Maria Edwards è un esperta di affari libici e coordinatrice del progetto per l’Africa. Risiede a New York e può essere raggiunta al thePressPhoto@optimum.net

Fonte:http://pub.mathaba.net/2011/08/20/benghazi-terror-in-the-streets/

Advertisements