“Per quanto critiche possano essere la situazione e le circostanze in cui vi trovate, non disperate; è proprio nelle occasioni in cui c’è tutto da temere che non bisogna temere niente; è quando siamo circondati da pericoli di ogni tipo che non dobbiamo averne paura; è quando siamo senza risorse che dobbiamo contare su tutte; è quando siamo sorpresi che dobbiamo sorprendere il nemico.” (Sun Tzu -L’arte della guerra)

“Nella società degli spettacoli il vero non è che un momento del falso”
(Guy Debord)

“Ci siamo seduti dalla parte del torto perchè tutti gli altri posti erano occupati” (Bertold Brecht)

_______________________________________________________________________

  • Soldati delle SAS britanniche sono stati catturati dai lealisti di Gheddafi
    [16.09.2011]


[“Argumenty.ru,” Alexander Grigoriev ]

I ribelli non sono riusciti a catturare le principali città della Libia, che rimangono fedeli al regime di Gheddafi. Sirte e Beni Walid rimangono nelle mani dei sostenitori del legittimo capo della Jamahiriya. I ribelli hanno cercato di attaccare alcune di queste città. Sono stati respinti. Distrutti un numero significativo di attaccanti. Catturati invasori dell’esercito del Qatar e Regno Unito; […] lo conferma l’ex ufficiale sovietico, poi russo, il colonnello delle forze speciali in ritiro,  Elia Koreneva.

In una conversazione telefonica con “argomenti. Ru” Korenev ha detto che 13 soldati SAS ” stanno in condizioni normali. Noi non siamo responsabili per la loro sicurezza, perché la città è costantemente bombardata. Ma sono vivi.”

“Siamo stati in grado, attraverso i canali ufficiali di informare il governo britannico circa i detenuti. […] I soldati non dovrebbero essere responsabili per le azioni dei loro politici.” – Dice Koren.

_______________________________________________________________________

  • I BRICS: Brasile, Russia, India e Cina sono una minaccia alla sicurezza nazionale USA

_______________________________________________________________________

  • Libya – L’ONU vota per un seggio al CNT [17.09.2011]

Le Nazioni Unite hanno dato il seggio della Libia al Consiglio nazionale di Transizione (verso l’emirato islamico), ponendo una fine formale al riconoscimento del governo di Gheddafi.

Le Nazioni Unite hanno inoltre approvato una risoluzione di allentamento delle sanzioni al paese, permettendo alla compagnia petrolifera nazionale della Libia e alla banca centrale di riprendere i propri affari.

_______________________________________________________________________

  • Reuters – I lealisti di Gheddafi respingono gli assalti
    [16.09.2011] di Maria Golovnina and Alexander Dziadosz (trad. levred)

(Reuters) – I fedelissimi irriducibili di Muammar Gheddafi hanno scatenato sbarramenti di razzi e mortai per respingere un assalto dalle forze di governo ad interim in uno dei loro ultimi bastioni nel deserto della Libia e hanno anche tenuto a distanza un’avanzata nella sua città natale.
Costrette a ritirarsi da Bani Walid da una forza pesantemente armata, ben trincerata valutabile in diverse centinaia, colonne di combattenti in pick-up si sono precipitate fuori dalla città all’interno del deserto, venerdì, dopo una giornata che ha avuto inizio con il parlare di porre fine all’assedio e catturare alte figure della vecchia classe dirigente.

A Sirte sulla costa centrale della Libia mediterranea, le forze del Consiglio nazionale di transizione (NTC) hanno guadagnato l’aeroporto alla periferia della città natale di Gheddafi e si sono mossi verso sacche di resistenza sparse nei centri abitati.
Ma prima di sera, lealisti di Gheddafi tenevano ancora in mano con forza Sirte e non c’era nessun segno di una rapida fine di un assedio che si trascina da settimane.

Le truppe di Gheddafi sono tra le case, ci sono un sacco di cecchini sui tetti,” ha detto un combattente del CNT Mabrook Salem.

Li abbiamo attaccati con razzi, fanno un sacco di danni, ma è il modo migliore per tenerli sotto controllo,” ha detto.

Esplosioni, sparatorie e eco del fruscio di razzi dal centro della Sirte e fumo nero arricciato sopra nel cielo. Aerei della Nato rombavano sulle teste.
Quasi quattro settimane dopo che la coalizione dei ribelli ha invaso Tripoli la capitale di Gheddafi, la retromarcia di Bani Walid è stata un duro colpo per la nuova leadership, che ha detto che un calendario per l’elaborazione di una costituzione democratica ed elezioni non inizierà fino a che tutto il vasto territorio della Libia non sarà “liberato”.

Abbiamo ricevuto l’ordine di ritirarci. Siamo stati colpiti da  molti razzi. Torneremo più tardi,” al-Assad Hamuri, uno dei combattenti respinti fuori da Bani Walid, lo ha detto in mezzo ad un ritiro frenetico, caratterizzato da urla, rabbia e delusione.
Abbiamo bisogno di riorganizzare le truppe e fare scorta di munizioni” […].