La Tribù del Generale Younes grida al complotto e giura vendetta
(BBC – trad. levred)

Head of the NTC Mustafa Abdul JalilI leaders di una delle tribù più grandi e potenti della Libia hanno detto alla BBC Newsnight che si prenderanno la loro rivincita proprio sugli assassini del comandante dei ribelli, il generale Abdel Fattah Younes, se i nuovi governanti del paese non riescono a risolvere il caso. Il capo del CNT, il nuovo leader libico Mustafa Abdul-Jalil nega qualsiasi ipotesi di complotto. Gli anziani della tribù Obeide di Younes hanno detto che alti funzionari del Consiglio nazionale di transizione (NTC) hanno cospirato con gli estremisti islamici per uccidere il generale, il cui corpo mutilato è stato trovato insieme a quello di due alti assistenti in una valle nei pressi della città ribelle di Bengasi il 28 luglio 2011. Molte delle sue dita erano state tagliate, un occhio cavato, lo stomaco squarciato e il suo corpo bruciato.
Il giorno prima che il suo corpo fosse trovato, Younes – il disertore più eminente [passato] dal governo del colonnello Muammar Gheddafi ai ribelli  – era stato arrestato su ordine di CNT, apparentemente sotto il sospetto che egli non riuscisse a portare avanti le operazioni militari con sufficiente vigore.


In un’intervista a Newsnight con il nuovo leader  della Libia, il presidente del CNT, Mustafa Abdul-Jalil, ha negato con forza qualsiasi ipotesi di complotto:

Ci sono stati alcuni errori amministrativi da parte del gabinetto esecutivo. Sono stati indagati – E alla luce di questo abbiamo deciso un rimpasto di gabinetto. Questi errori non avevano niente a che fare con l’uccisione successiva“, ha detto.

Tuttavia, i membri anziani della tribù Obeide non sono d’accordo. Othman Azia, un anziano membro della tribù nella parte orientale della Libia ha detto a Newsnight:

La cospirazione è stata architettata in occasione del Consiglio Direttivo – e sanno chi c’è dietro. Loro hanno emesso un mandato di comparizione per il generale Younes, lo hanno attirato, stavano in agguato per lui – e poi gli hanno fatto quello che gli hanno fatto.”

Younes è stata una figura controversa che aveva servito il colonnello Gheddafi, come uno dei suoi più stretti collaboratori per oltre 41 anni, più di recente come ministro dell’Interno. Ma in febbraio ha improvvisamente cambiato posizione dalla parte dei ribelli durante la rivolta nella parte orientale della Libia.
Come ribelle al comando dello staff era il principale punto di contatto della Nato durante il mandato ONU nella campagna di bombardamenti.
Ma dubbi sulla sua lealtà alla rivoluzione persistevano. Questi possono avere portato al suo arresto più tardi, il 27 luglio presso il suo quartier generale a Ajdabiya, a ovest di Bengasi, proprio mentre stava per lanciare una grande offensiva lungo la costa di Brega.
Una fonte del CNT dice che Younes accettò la convocazione di tornare a Bengasi per un interrogatorio e partì con calma con i suoi aiutanti in due automobili.
Ma testimoni ricordano una serie di circostanze intimidatorie durante le quali sono stati arrestati Younes e i suoi collaboratori e sono stati scortati a Bengasi, non da forze regolari del consiglio, ma da miliziani pesantemente armati, i quali sono stati descritti come di aspetto insolitamente religioso.

Newsnight ha visto documenti trapelati dalle indagini del CNT.

Majed Khamis, figlio del colonnello Mohammed Khamis, uno degli aiutanti del generale assassinato, ha detto: “Quando abbiamo lasciato il centro di comando ci eravamo stupiti per il numero di persone e le loro armi“.
Leaked documents seen by Newsnight
Il numero di automobili era di 80 o 90, ma è aumentato ad ogni checkpoint, e ogni macchina era piena di ribelli civili, armati di tutto punto. Stavano cantando ‘Allahu akbar!’ e ‘Gheddafi!’ e ‘traditore!’ – E anche se la frase ‘Allahu Akbar’ è molto sacra per l’Islam, in queste circostanze ci indica di aver catturato un infedele, o un traditore. Catturare il generale è stato un grande risultato e un trofeo per loro“.

Testimoni dicono che Younes e i suoi collaboratori hanno compiuto sforzi ripetuti e sempre più frenetici di contattare alti funzionari del CNT, ma avevano difficoltà a passare.

Newsnight ha visto una copia di una nota, scritta a mano dal ministro della Difesa Jalal al-Dgheili, la 0430 (0330BST) secondo cui quella mattina vi era un contrordine del mandato d’arresto per il fatto che era stato rilasciato senza la corretta autorità e avrebbe potuto danneggiare il morale al fronte.

Ma il ministro della Difesa poi corse in Egitto per affari più pressanti e il suo lavoro per liberare Younes ebbe alcun effetto.

Majed Khamis e il figlio di Younes, Hossam videro l’ultima volta i loro padri in vita in un accampamento militare sul bordo meridionale di Bengasi.
Entrambi i figli sono stati autorizzati a lasciare il campo. Ma quando i membri della famiglia sono tornati più tardi quella mattina hanno detto che era deserto.
La famiglia di Younes dice che durante il giorno funzionari del CNT hanno assicurato che il generale era al sicuro – e che sarebbe presto comparso in una conferenza stampa. Ma la conferenza stampa c’è stata solo quando il capo del CNT, il Sig. Jalil ha annunciato la morte di Younes alle 22:00, quella notte.
L’indagine interna del CNT sugli eventi che hanno portato all’arresto, non è stata ufficialmente pubblicata, ma Newsnight ha visto una copia trapelata che mette in discussione la legittimità e l’indipendenza della commissione speciale giudiziaria che ha emesso il mandato d’arresto. Critica la decisione di stabilirlo, dicendo che era “viziato da difetti“.
Alla famiglia di Younes e alla tribù il processo decisionale che ha portato all’arresto sembra sospetto.



Il nipote del generale, Mohammed Hamid, ha detto: “Perché questo compito è stato assegnato a milizie armate? Può essere solo perché c’è una relazione tra i membri del comitato esecutivo – forse lo stesso Consiglio – e queste milizie”.
Ma il CNT dice che erano semplicemente una serie di errori amministrativi che involontariamente hanno consegnato Younes nelle mani di una brigata fondamentalista, Obaida Ibn Jarrah – alcuni membri della quale avevano rancore contro di lui.
I funzionari dicono che un uomo è stato arrestato, ed è nota l’identità di un altro sospettato dell’omicidio, parte di un gruppo più ampio di 16 [persone] legate al caso.
Mr Jalil ha dichiarato: “La natura delle uccisioni suggerisce che è stato un atto di vendetta personale“, aggiungendo che si trattava di una punizione per un intervento da parte delle forze di Gheddafi contro i combattenti islamici nella parte orientale della Libia alla fine del 1990.
Tuttavia, la famiglia di Younes, la popolazione locale ed ex islamisti dicono che egli non era coinvolto in quell’operazione. Il generale potrebbe essere stato ucciso a causa di sospetti che mantenesse i contatti con il perfido vecchio regime – anche se non ci sono prove di questo.
Ma la sua tribù ritiene che il motivo principale è che aveva in mente di sciogliere le brigate indipendenti – tra cui alcune guidate da islamisti – e fonderle in un unico esercito nazionale.
Suo nipote Muhammad Hamid ha detto: “Younes era il loro nemico più pericoloso, perché era un vecchio soldato tenace con carisma. Lui voleva disarmare queste persone e costringerle a tornare alla vita civile.”
https://i1.wp.com/tftscdn.nexus404.com/Blog/wp-content/uploads2/2011/08/Libya-surveillance-documents.jpg

Membri del LIFG [Al Qaeda’s Libyan Islamic Fighting Group]

Queste milizie sono al di fuori della legge. Il loro scopo fondamentale è quello di controllare il governo della Libia. Ma il Consiglio è stato debole ad agire contro di loro.
Il nuovo Primo ministro della Libia, Mahmoud Jibril ha ora annunciato un piano per portare tutte le milizie sotto il controllo centrale. Ma alcuni eminenti comandanti di brigata, provenienti da ambienti islamisti, si è detto che si oppongono ad esso […].

Fonte: http://news.bbc.co.uk/2/hi/programmes/newsnight/9591808.stm

Filmato diffuso ieri 01.09.2011, immagini dei resti del cadavere del generale Abdel Fattah Younes.