“Per quanto critiche possano essere la situazione e le circostanze in cui vi trovate, non disperate; è proprio nelle occasioni in cui c’è tutto da temere che non bisogna temere niente; è quando siamo circondati da pericoli di ogni tipo che non dobbiamo averne paura; è quando siamo senza risorse che dobbiamo contare su tutte; è quando siamo sorpresi che dobbiamo sorprendere il nemico.”
(Sun Tzu -L’arte della guerra)
 

“Nella società degli spettacoli il vero non è che un momento del falso.”
(Guy Debord)

“Ci siamo seduti dalla parte del torto perchè tutti gli altri posti erano occupati.” (Bertold Brecht)


__________________________________________________________________________

  • Schegge di guerra in Libia
    [18.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

– Associated Press: “Ci sparavano addosso da ogni direzione con mortai, RPG, cecchini e mitragliatrici, là è stato veramente brutto. I ribelli hanno inviato 1.000 uomini nei distretti dei lealisti di Gheddafi ma sono stati pesantemente sconfitti a Sirte.

– Croce Rossa ad Arrai TV: “il popolo di Sirte è rimasto in città mentre la NATO li ha bombardati dall’alto, abbiamo visto crimini di guerra.

– Rueters e Associated Press hanno riferito la dichiarazione del Dr Hamza della Jamahiriyah: “La resistenza aumenterà le sue tattiche offensive da ora e nei prossimi giorni, come quella all’aeroporto di Tripoli.”

– Campo profughi di Tawergha vicino a Benghazi il più grande della Libia. La loro città è stata bruciata dai ribelli golpisti. Nessuno li vuole perchè sono neri e vengono visti come pro-Gheddafi.

Venerdì 21 ottobre la sollevazione continua

Kill a rat for Mummy – Il comandante della brigata di Misurata, Abdul Baset Karkout è stato ucciso oggi a Sirte nella periferia occidentale.

Dopo la Spagna anche la Svezia ha annunciato il suo ritiro dalle operazioni della NATO in Libia. La Svezia esce dalle operazioni della NATO in Libia il 24 ottobre, lo ha annunciato martedì il comandante delle forze armate del regno Sverker Yoransson.
http://vz.ru/news/2011/10/18/531428.html

– La Arrai TV e la Jamahiriyah hanno confermato  che Baniwalid è al 100% sotto il controllo della Resistenza Verde. Secondo anche le relazioni di testimoni oculari. [ ] http://libyasos.blogspot.com/p/news.html

460 ratti della Nato sono stati uccisi a Bani Walid nelle ultime ore. Questo aumenta il bilancio delle vittime dei ribelli/ratti NATO a più di 1.000 in meno di 24 ore.
– I civili a Sirte hanno catturato 32 ratti della NATO.

Caro Fuoco Amico! I ratti della Nato hanno ucciso 13 loro combattenti e se ne sono feriti altri 80 da soli per errore dopo aver sparato un razzo in modo sbagliato a Sirte.

I ratti della Nato che stavano cercando di entrare Bani Walid sono stati costretti dalla resistenza nazionale a tornare a Tajoura.

– Dure battaglie che si svolgono in Hadba e Abu Salim (Tripoli).
L’ufficiale Ali Al-Salabi del CNT è riuscito a sfuggire a un tentativo di assassinio domenica scorsa, quattro della sua scorta sono stati uccisi.

– Battaglie sono in corso tra l’esercito libico e i ribelli sostenuti dalla NATO a Sarman.
Dei ratti NATO hanno sparato un proiettile verso la bandiera tunisina e aggredito fisicamente un cittadino nella città di Bin Kirdan che si trova sul confine libico-tunisino, cosa che ha provocato la protesta delle persone che vivono in città.

http://libyasos.blogspot.com/p/news.html


__________________________________________________________________________

  • Libia – Bani Walid non cadde
    [18.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

ALGERIA ISP / TV siriana come El Rai, Bani Walid non è caduta. Tutte le menzogne ​​dei media (televisione, giornali, …) riferite ieri sera, sono del tutto errate e semplici menzogne. E’ solo guerra psicologica!
Bani Walid può essere eliminata su al-Jazeera, al-Arabia, e su altre catene occidentali in realtà, è ancora sotto il controllo della resistenza libica.
Inviano il video di infiltrazione della città di 30 minuti su tutti i canali televisivi di tutto il mondo, mentre sul terreno la resistenza libica difende bene la sua città. I ribelli pseudo attori che vediamo su al-Jazeera e al-Arabia sfilare per le strade di Bani Walid sono morti al 31° minuto uccisi dai proiettili di cecchini o missili a rilevazione termica.
Ieri, l’ospedale di Tripoli, ha ricevuto 70 corpi di ribelli uccisi di fronte a Bani Walid, dopo violenti scontri con gli eroi di Bani Walid.
Oggi, a Bani Walid, circa 150 corpi di ribelli erano riversi accanto alla scuola Okba Bani Nafa nella strada el Manchousse e più di 50 corpi dei ribelli nel mercato nella zona di Nahike.
Dopo aspre battaglie, Bani Walid è diventato un cimitero aperto per i ribelli, le strade di Bani Walid sono coperte dai corpi dei ribelli. Mentre mentono alle famiglie dei ribelli del CNT, dicendo loro che il loro figlio è disperso o in missione oppure morto in incidente d’auto.

http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201110-A6544/libye-bani-walid-est-pas-tombee-octobre-2011.html

__________________________________________________________________________

  • I ribelli non riescono a mettersi daccordo sul nuovo governo
    [18.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

(Reuters) – Il leader provvisorio della Libia non è riuscito a concordare un nuovo gabinetto domenica e le forze che hanno rovsciato Muammar Gheddafi dal potere sono rimaste impantanate nella lotta con le truppe fedeli alla precedente guida.
Le forze di governo ad interim sono fuggite nel caos dalla città di Bani Walid e si sono ritirate da Sirte dopo che i tentativi ancora più numerosi non sono riusciti ad assaltare le roccaforti finali di Gheddafi e prendere il controllo di tutto il paese.
I problemi politici e militari hanno sottolineato quanto potrebbe essere difficile ripristinare la stabilità in Libia dopo Gheddafi fu cacciato da Tripoli il mese scorso.
L’ex Comitato o gabinetto esecutivo dei ribelli è stato sciolto il mese scorso. Un nuovo comitato per i funzionari responsabili della difesa e degli affari interni doveva essere nominato domenica dal Primo Ministro ad interim Mahmoud Jibril.
Ma i colloqui si sono interrotti quando le sue proposte non hanno ricevuto pieno sostegno da tutti i membri attuali.
“Abbiamo avuto un incontro di consulenza con il CNT al fine di formare un nuovo governo. Abbiamo concordato una serie di portafogli. Abbiamo ancora più portafogli da discutere”, Jibril ha detto ai giornalisti attraverso un interprete in una conferenza stampa domenica.
Un elenco dei ministeri approvato non era disponibile, anche se fonti vicine ai negoziati hanno riferito che la posizione di Jibril era essa stessa un punto critico durante i colloqui. C’era anche disaccordo sul fatto che fosse necessario formare un governo di transizione prima della dichiarazione di “liberazione” – un concetto che sembra includere la cattura di Gheddafi e la sconfitta dei suoi fedelissimi che continuano a detenere tre città chiave.
Il CNT ha elaborato una road map che definisce i piani per una nuova costituzione ed elezioni in 20 mesi, che dovrebbe iniziare una volta che la dichiarazione sarà fatta.
Con i negoziati politici impantanati, il fallito tentativo di domenica di prendere Bani Walid, partono le recriminazioni arrabbiate tra gli attaccanti, che devono catturare la città e il luogo di nascita di Gheddafi, Sirte, prima di poter dichiarare la Libia “liberata”.

An anti-Gaddafi fighter fires a multiple-rocket launcher near Sirte, the hometown of deposed leader Muammar Gaddafi, September 17, 2011. REUTERS-Goran Tomasevic
Da quando hanno preso Tripoli lo scorso mese, i combattenti del Consiglio nazionale di transizione (CNT) hanno cercato più volte di assaltare Bani Walid, 150 km (90 miglia) a sud-est della capitale, per poi ritirarsi sotto un fuoco pesante e in maniera disordinata. Combattenti del CNT hanno detto di aver fatto una pianificazione per guidare l’attacco di domenica con carri armati e camion pick-up con cannoni antiaerei e lanciarazzi, ma i soldati a piedi erano ammassati per primi.
“C’è una mancanza di organizzazione finora. Uomini di fanteria sono in azione in tutte le direzioni”, ha detto Zakaria Tuham, un combattente con un anziano di Tripoli al comando di unità.
“Ai nostri comandanti era stato detto che le unità di artiglieria pesante erano già andate avanti, ma quando siamo avanzati a Bani Walid non si riusciva a vederli in nessun posto. Le forze di Gheddafi ci stavano colpendo pesantemente con razzi e mortai, quindi ci siamo ritirati”.
Un reporter Reuters ha visto i combattenti ritirarsi a circa due km (più di un chilometro e mezzo) dopo che avevano fatto irruzione in città.
Aerei della Nato giravano sopra la città dopo domenica e forti esplosioni sono state sentite provenire dal centro, anche se non era chiaro se gli aerei avessero attaccato.
I combattenti anti-Gheddafi di Bani Walid sono accusati dai compagni di altri luoghi della Libia di non avere volontà di coordinare. Quelli provenienti da altre parti hanno accusato alcuni combattenti locali di essere traditori e passare informazioni ai fedelissimi di Gheddafi.
“Comandanti che sono della tribù Warfalla, ci dicono una cosa e poi i comandanti da altre città dicono qualcosa di diverso. Non capiamo nulla”, ha detto Mohamed Saleh, un combattente pro-CNT.
Alcuni combattenti hanno apertamente disobbedito agli ordini. In un incidente, un ufficiale di Bani Walid è stato schernito dalle truppe di Tripoli dopo aver cercato di ordinare loro di smettere di sparare in aria in modo casuale mentre celebravano il fatto di aver catturato un mortaio dalle forze di Gheddafi.
“Non sei il mio capo. Non dirmi cosa fare”, è scattato verso di lui uno dei combattenti di Tripoli.
Granate fischiavano sopra le posizioni degli anti-Gheddafi ed esplodevano in tutta la valle del deserto mentre cecchini invisibili sparavano raffiche di proiettili dai tetti di Bani Walid e il fumo si alzava sopra la città.
Combattenti del CNT hanno aiutato alcune famiglie a lasciare la città, spingendoli su camion militari. “Le ultime due settimane sono state terribili, ma ieri sera era particolarmente brutto”, ha detto Zamzam al-Taher, 38 anni, madre di quattro figli. “Siamo stati intrappolati qui senza una macchina e senza cibo. Cecchini sono ovunque.”

BATTAGLIA PER SIRTE

Le forze del CNT e aerei da guerra della NATO hanno anche attaccato Sirte, città natale di Gheddafi. I combattenti hanno lanciato razzi dall’ingresso sud della città e risposto al fuoco dei fedelissimi dei Gheddafi rintanati in un centro conferenze.
“La situazione è molto pericolosa. I cecchini sono così tanti e con tutti i tipi di armi che si possa immaginare”, ha detto Mohamed Abdullah combattente mentre i razzi sfrecciavano attraverso l’aria e un fumo nero saliva sopra la città.Anti-Gaddafi fighters fire a 130mm howitzer at pro-Gaddafi forces east of Sirte September 16, 2011. REUTERS-Asmaa Waguih
Come in molti episodi durante il conflitto della Libia, le linee del fronte a Sirte e a Bani Walid si sono spostate avanti e indietro, con show di spavalderia che andavano in briciole nella realtà della battaglia.
Una granata in arrivo è atterrata a 200 metri dalle linee tenute dal CNT, solo perchè  il fuoco di ritorno venisse incontro ai combattenti del CNT al grido di “Allahu Akbar!” (Dio è grande).
Parlando con il rombo dei jet della NATO in testa, un combattente anti-Gheddafi a Sirte, Mahmoud Othman, ha detto che i suoi uomini stavano aiutando le famiglie che erano fuggite prima del prossimo assalto.
“Non vogliamo spargimenti di sangue più tra noi. Ma se i Gaddafha vogliono più sangue, siamo pronti”, ha detto, riferendosi alla tribù del leader deposto. “Alla fine noi vogliamo Gheddafi”.
Un portavoce di Gheddafi ha detto alla tv siriana Arrai domenica che 17 “mercenari”, tra cui quelli che egli chiamava “esperti tecnici” francesi e britannici, erano stati catturati a Bani Walid.
Non è stato immediatamente possibile verificare il report. NATO, funzionari francesi e inglesi avevano sabato negato il report di Arrai TV che truppe della Nato erano state catturate dai lealisti di Gheddafi.

http://www.reuters.com/article/2011/09/18/us-libya-idUSTRE7810I820110918
An anti-Gaddafi fighter fires a RPG against Gaddafi loyalists in a village near Sirte, one of Muammar Gaddafi's last remaining strongholds September 17, 2011. REUTERS-Goran Tomasevic
__________________________________________________________________________

  • Primo incontro principale del Comando della Resistenza nazionale Libica
    [17.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

Domenica scorsa 16 ottobre ha avuto luogo in una località segreta il primo grande incontro di alti leader civili, dell’intelligence patriottica, religiosa, tribale e della resistenza libica nazionale. Un importante incontro per coordinare tutte le azioni di resistenza e di rafforzare le linee del fronte, l’organizzazione di un attacco strategico, difendere la libera città, paesi incontrare l’eroe, interrompendo i piani della NATO, impedire il saccheggio delle risorse nazionali e popolari posteriore organizzare, mobilitare la solidarietà africana e mondiale, per difendere la popolazione civile, consolidare il governo provvisorio della Libia e difendere la vita delle masse e dei dirigenti minacciati. Un passo avanti nella guerra popolare di liberazione nazionale da completare alla liberazione finale del libico. Una NATO attende nuova Stalingrado nelle sabbie del deserto.

http://resistencialibia.info/?p=134

http://www.algeria-isp.com/depeches/politique-libye/201110-D1488/libye-2011-resistance-libyenne-organise-durant-plus-grande-reunion-des-hauts-cadres-dimanche-octobre-2011.html

___________________________________________________________________________

  • Libia, un cecchino ha ucciso il comandante del battaglione di Liberazione di Misurata a Sirte [17.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

ALGERIA ISP, Secondo Zangetna domenica, un cecchino della resistenza libica a Sirte, è stato in grado di uccidere il comandante del battaglione di Liberazione  di Misurata, Hussain Ahmed Eltir. Il proiettile mortale è stato sparato dal fucile di un cecchino che è stato posizionato su un edificio. I combattenti della resistenza e i patrioti difendono la loro città di Sirte duramente, nonostante il bombardamento dei piloti assassini della NATO.

Libye 17-10-2011, Un sniper tue le commandant du bataillon Libération Misrata à Syrte

http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201110-A6542/libye-2011-sniper-tue-commandant-bataillon-liberation-misrata-syrte.html

NTC fighters take part in a street battle in the centre of Sirte

__________________________________________________________________________

  • Libia, un aereo è appena atterrato all’aeroporto di Bengasi portando i ribelli morti e feriti [17.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

ALGERIA ISP, Secondo Zangetna, un aereo è appena atterrato all’aeroporto di Bengasi portando molti ribelli morti e feriti dal fronte di Sirte e di Bani Walid. Un convoglio di ambulanze ha lasciato l’aeroporto in direzione dell’ospedale.

http://www.algeria-isp.com/depeches/politique-libye/201110-D1492/libye-2011-avion-vient-atterrir-aeroport-benghazi-ramenant-des-morts-blesses-rebelles.html


__________________________________________________________________________

  • Tony Birtley reports from Bani Walid, Libya (humor)


___________________________________________________________________________
[In aggiornamento]
____________________________________________________________________________