Tag

, , ,

  • Copertura Siria aggiornamento: Il Reporter della BBC è stato arrestato e gli è stato impedito di riferire delle operazioni USA-NATO-siriane in Turchia!

Giovedi, 15. Dicembre 2011 (trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks)

I media americani rimangono muti sulle operazioni già confermate.

logo

Sono ora esattamente 24 giorni da quando ho riferito del campo di addestramento segreto in corso, USA-NATO congiunto, nella base aerea statunitense a Incirlik, in Turchia, che ha iniziato ad operare nel mese di aprile-maggio 2011 per organizzare e ampliare la base dei dissidenti in Siria. Ho annunciato questa storia il 21 novembre, qui al Boiling Frogs Post, sulla base delle informazioni fornitemi da fonti multiple, tra cui addetti ai lavori altamente credibili in Turchia e addetti ai lavori del governo, qui, negli Stati Uniti. 18 giorni dopo l’iraniana Press TV rende pubblica la storia con un’ulteriore conferma sulla base di una copertura intensiva e la conferma da parte dei media turchi. Sorprendentemente, nonostante le pressioni ben più gravi da parte del governo, i giornalisti in Turchia, hanno assicurato una copertura dettagliata della storia che ho annunciato qui negli Stati Uniti.

Una storia ampiamente riportato aveva a che fare con il giornalista della BBC John Simpson, che è andato in Turchia per seguire la storia che abbiamo reso pubblica sul Boiling Frogs Post, ma è stato posto sotto sorveglianza, gli è stato impedito di dare seguito alla storia del Centro operazioni dei ribelli USA-NATO-turco-siriano nel sud della Turchia, gli hanno impedito di intervistare Riad al Assad, e come la BBC rapidamente si scusava per l’accaduto scandaloso. Tutti i giornali più importanti in Turchia, hanno seguito questo evento. Sabah e Radikal sono state tra le decine di fonti di TV e giornali in Turchia che lo hanno seguito.

Qui è la piroetta immessa nel racconto dalla BBC per far sembrare l’incidente come qualcosa per ‘proteggere il colonnello Riad al Assad’ [tutta l’enfasi è mia]:

Il nome del colonnello sembra vicino ma non proprio uguale a quello del presidente che vuole rovesciare, Bashar al-Assad. Egli ha base in un campo profughi a Apaydin, 9 miglia (14 km) dalla città di Antiochia e molto vicino al confine con la Siria. Ma non gli è permesso di lasciare il campo, e non può ricevere visite.
    In larga misura, questo è per la sua protezione. I turchi sembrano considerare il colonnello Assad come una figura potenzialmente importante per il futuro, e sono determinati a che nulla di spiacevole possa succedergli.
    Di conseguenza, arrivare a vedere il colonnello Assad è molto difficile. Nessun funzionario turco ha voluto aiutarci, o persino parlare di lui nel resoconto.

Mentre stavamo filmando il suo campo a distanza un gruppo di soldati turchi ci ha brevemente trattenuto. Ma il colonnello ha una prevedibile voglia di parlare, e alla fine lo abbiamo intervistato via internet.

Per ricapitolare, 24 giorni fa il Boiling Frogs Post ha reso pubblica la storia sulla Base aerea Statunitense, Centro di comando ribelle USA-NATO-siriano, operativo nella Turchia del sud dal maggio 2011. Questa storia è stata data da tutti i principali media statunitensi, si pensi al NY Times, al Washington Post, ma a nessuno è stato permesso di riportarla a causa di ‘pressioni del governo degli Stati Uniti.’ Dopo aver pubblicato la storia qui a BFP, i media turchi hanno sfidato il loro governo militare, e hanno fornito ulteriori conferme e dettagli. La storia da allora ha ricevuto la copertura e la conferma da pubblicazioni estere come Press TV e Russia TV. Eppure, neanche un pigolio nei media americani, cosa che include anche gli impostori sostenuti da fondazioni corporate, conosciute anche come media alternativi.

Russia TV aveva una buona copertura sulle ultime notizie qui. Ed ecco un’intervista televisiva russa con James Corbett oggi:

 

http://www.opednews.com/populum/linkframe.php?linkid=142852

********************************************************

Thursday, 15. December 2011

US Media Remains Mute on ‘Already-Confirmed’ Operations

ItSimpson’s now been exactly 24 days since I reportedon the ongoing joint US-NATO secret training camp in the USAir Force base in Incirlik, Turkey, which began operations in April- May 2011 to organize and expand the dissident base in Syria. I broke that story on November 21, here at Boiling Frogs Post, based on information provided to me by multiple sources including highly credible insiders in Turkey and government insiders here in the US. 18 days later Iranian Press TV ran the story with further confirmation based on intensive coverage and confirmation by the Turkish media. Impressively, despite far more serious pressure from the government, reporters in Turkey provided detailed coverage of the story I broke here in the US.

One extensively reported story had to do with BBC reporter John Simpson, who went to Turkey to follow up on the story we broke at Boiling Frogs Post, but was placed under surveillance, prevented from following up on the story of the US-NATO-Turkish-Syrian Rebel operation Center in Southern Turkey, stopped from interviewing Riad al Assad, and how BBC quickly excused the scandalous incident. Every major newspaper in Turkey covered this event. Sabah and Radikal were among dozens of TV and newspaper outlets in Turkey covering it.

Here is the spin placed on the story by BBC to make the incident look like ‘protecting Colonel Riad al Assad’ [All Emphasis Mine]:

The colonel’s name sounds close to but not quite the same as that of the President he wants to overthrow, Bashar al-Assad.He is based in a refugee camp at Apaydin, 9 miles (14km) from the town of Antakya and very close to the Syrian border. But he is not allowed to leave the camp, and cannot receive visitors.

To a considerable extent, this is for his own protection. The Turks seem to regard Colonel Asad as a potentially important figure for the future, and are determined that nothing untoward should happen to him.

As a result, getting to see Colonel Asad is remarkably difficult. No Turkish official wanted to help us, or indeed even speak about him on the record.

As we were filming his camp from a distance a group of Turkish soldiers briefly detained us. Yet the colonel is predictably keen to talk, and in the end we interviewed him via the internet.

To recap, 24 days ago Boiling Frogs Post broke the story on the US-NATO-Syrian Rebel Operation-Command Center in the US Air Base in Southern Turkey operating since May 2011. This story was first provided to all major US media, think NY Times, Washington Post, but no one was allowed to report due to ‘US government pressure.’ After we broke the story here at BFP, the Turkish media dared their government-military, and provided further confirmation and details. The story has since received coverage and confirmation by foreign publications such as Press TV and Russia TV. Still, not a peep in the US media, and that includes the corporate-foundation backed phony, aka Alternative Media.

Russia TV had good coverage on the latest here. And here is a Russia TV interview with James Corbett from Today:

http://www.opednews.com/populum/linkframe.php?linkid=142852

______________________________________________________________________