Tag

, , ,

  • Mosca critica duramente la difesa di Ban Ki-moon dell’azione in Libia

MOSCA, 22 dicembre 2011  (trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks)

(RIA Novosti) – Mosca ha criticato il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon per aver difeso l’operazione della NATO in Libia e ignorato i dati sulle vittime civili raccolte da un certo numero di Stati membri dell’ONU, lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Alexander Lukashevich giovedì.

Ban la scorsa settimana è giunto in difesa della NATO in risposta alle accuse che l’Alleanza aveva oltrepassato il suo mandato di imporre una no-fly zone per proteggere i civili e si sarebbe invece schierata apertamente con i ribelli, consentendo loro di rovesciare il regime di Muammar Gheddafi.

La risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1973, credo, fosse rigorosamente applicata entro il limite, nell’ambito del mandato“, Ban lo ha riferito ai giornalisti a New York. “Questa operazione militare svolta dalle forze della Nato era rigorosamente all’interno della (risoluzione) 1973.”

Le dichiarazioni del Segretario generale dell’ONU, Ban Ki-moon secondo cui le azioni dell’alleanza in Libia sono state condotte in stretta conformità con  la risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza dell’ONU, sono direttamente in contraddizione con i fatti e sono in contrasto con le stime di molti membri del Consiglio di Sicurezza e di altri membri delle Nazioni Unite” ha detto Lukashevich.

Ban Ki-moon deve “tener conto delle posizioni di tutti i membri delle Nazioni Unite, soprattutto quando il problema riguarda eventi sensibili nell’agenda globale“.

Il tentativo di Ban di presentare “l’operazione in Libia come un modello per la risoluzione di crisi future è a dir poco cinico,” ha aggiunto Lukshevich.

Lunedì la Russia ha invitato la NATO a indagare sui morti civili in Libia, provocati dalla sua campagna di bombardamenti, dicendo che l’affermazione dell’Alleanza che non ci siano state vittime civili è falsa.

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, ha detto di aver chiesto alla NATO di dare “un rapporto definitivo” al Consiglio di Sicurezza dell’ONU che riassuma le sue attività in Libia. Ma ha detto che “purtroppo” gli unici “rapporti forniti (dall’Alleanza) erano frammentari, piuttosto superficiali … e non molto ben informati.”

http://en.rian.ru/world/20111222/170430037.html

****************************************************************************

MOSCOW, December 22 (RIA Novosti)

Moscow criticized UN Secretary General Ban Ki-moon for defending the NATO operation in Libya and ignoring data on civilian casualties collected by a number of UN member states, Foreign Ministry spokesman Alexander Lukashevich said on Thursday.

Last week Ban came to the defense of NATO in response to charges the alliance had overstepped its mandate to impose a no-fly zone to protect civilians and instead openly sided with the rebels, enabling them to overthrow Muammar Gaddafi’s regime.

“Security Council resolution 1973, I believe, was strictly enforced within the limit, within the mandate,” Ban told reporters in New York. “This military operation done by the NATO forces was strictly within (resolution) 1973.”

“UN Secretary General Ban Ki-moon’s statements that the alliance’s actions in Libya were conducted in strict accordance with the UN Security Council resolution 1973, directly contradict the facts and are at odds with the estimates of many members of the Security Council and other UN members,” Lukashevich said.

Ban Ki-moon must “take into account the positions of all the UN members, especially when the issue concerns sensitive events on the global agenda.”

Ban’s attempt to present “the operation in Libya as a model for future crisis resolution is cynical to say the least,” Lukshevich added.

On Monday, Russia urged NATO to investigate civilian deaths in Libya from its bombing campaign, saying the alliance’s claim that there were no civilian casualties is untrue.

Russia’s UN Ambassador Vitaly Churkin said he has asked NATO to give “a definitive report” to the UN Security Council summing up its activities in Libya. But he said “unfortunately” the alliance only provided “piecemeal, rather perfunctory reports… (that) were not very informative.”

http://en.rian.ru/world/20111222/170430037.html

________________________________________________________________________

  • Ministero degli Esteri russo: La Libia non è un modello per risolvere le crisi

22.12.2011 (trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks)

Mosca ritiene che i tentativi di ritrarre gli eventi in Libia come un modello per risolvere le crisi future possano essere descritti soltanto come cinici, lo ha detto il  portavoce del ministero degli Esteri russo, Alexander Lukashevich.

Abbiamo notato numerose violazioni del Consiglio di Sicurezza statunitense che sono state commesse o approvate dalla NATO in Libia“, Lukashevich lo ha detto, riferendosi alla decisione della NATO di fornire armi ai ribelli, alla presenza di soldati stranieri sul suolo libico e alla violazione della no-fly zone su questo paese del Nord Africa.

Ha lamentato il fatto che tutti questi fatti non hanno ottenuto una copertura informativa a causa dei media occidentali.

Lukashevich ha anche detto che, contrariamente alle affermazioni fatte dal capo delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, i fatti sulle vittime civili e sulla distruzione di infrastrutture in Libia sono state confermate da molti testimoni oculari.

http://english.ruvr.ru/2011/12/22/62707805.html

**********************************************************************

  • Libya not a model for resolving crises – Russian Foreign Ministry

Dec 22, 2011 18:13 Moscow Time

Russian Foreign Ministry Spokesman Alexander Lukashevich

Moscow believes that attempts to portray the events in Libya as a model for resolving future crises can only be described as cynical, Russian Foreign Ministry Spokesman Alexander Lukashevich said on Thursday.

“We have noticed numerous violations of the US Security Council resolutions which were committed or endorsed by NATO in Libya”, Lukashevich said, referring to NATO’s decision to supply arms to rebels, the presence of foreign soldiers on Libyan soil and the violation of a no-fly zone over this North African country.

He lamented the fact that all these facts did not get a due coverage in the Western media.

Lukashevich also said that contrary to the statements made by UN  chief Ban Ki-moon, the facts of civilian casualties and of the  destruction of infrastructure in Libya were confirmed by many eyewitnesses.

http://english.ruvr.ru/2011/12/22/62707805.html

___________________________________________________________________________