Tag

, , ,

  • Ministro della difesa israeliano dice di considerare attacco all’Iran se sanzioni falliscono (ITA-ENG)

Xinhua

[03.02.2012] trad. di Levred per GilGuySparks

GERUSALEMME, 2 febbraio (Xinhua) – Il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, ha detto giovedì che se le sanzioni contro l’Iran non si dimostreranno efficaci, Israele prenderà in considerazione di avviare un’azione militare per contrastare il programma nucleare della Repubblica islamica.

Se le sanzioni non riescissero a fermare il programma nucleare iraniano, sarà necessario prendere in considerazione un’azione“, ha detto Barak.
Incontrando il pubblico alla chiusura della Conferenza di Herzliya, Barak ha osservato che Israele è disposto ad agire prima che sia “troppo tardi“.

C’è una diffusa convinzione internazionale che sia di vitale importanza impedire all’Iran di trasformarsi in potenza ‘nucleare’ e che nessuna opzione dovrebbe essere esclusa“, ha detto.

Barak ha preso atto della necessità di un intervento, prima che Tehran raggiunga una capacità nucleare (che l’Iran insiste essere solo per scopi civili), al fine di impedire all’Iran di divenire una minaccia globale, secondo quanto ha riferito il quotidiano Ha’aretz.
Chiunque dica ‘più tardi’, potrebbe constatare che [‘più tardi’] potrebbe essere troppo tardi“, ha detto Barak.

Il vice Primo Ministro israeliano, Moshe Ya’alon, anche messo in guardia giovedì dalle conseguenze di un “Iran nucleare“, sottolineando che potrebbe essere un “incubo per il mondo libero.”

Tuttavia, Ya’alon, che è anche il ministro per gli Affari strategici israeliani ed ex capo dello staff della Forza di Difesa di Israele, ha detto che l’Occidente potrebbe effettuare un attacco militare contro qualsiasi impianto nucleare iraniano.

Ogni impianto difeso da un essere umano può essere penetrato,” ha detto, “Qualsiasi impianto in Iran può essere colpito, e parlo per esperienza come capo della Forza di Difesa di Israele.

All’inizio di giovedì, il direttore israeliano dell’intelligence militare, il generale maggiore, Aviv Kochavi, ha detto alla conferenza di Herzliya che l’Iran è pronto ora a produrre bombe nucleari.

http://news.xinhuanet.com/english/world/2012-02/03/c_122649601.htm

*************************************************************************

  • Israeli defense minister says to consider attacking Iran if sanctions fail

Xinhua English.news.cn   2012-02-03 05:36:59

JERUSALEM, Feb. 2 (Xinhua) — Israeli Defense Minister Ehud Barak said Thursday that if sanctions on Iran do not prove effective, Israel will consider initiating military action to thwart the Islamic republic’s nuclear program.

“Should sanctions fail to stop Iran’s nuclear program, there will be a need to consider taking action,” Barak said.

Addressing the public at the closing of the Herzliya Conference, Barak noted that Israel is willing to take action before it is ” too late.”

“There is widespread international belief that it is vital to prevent Iran from turning ‘nuclear’ and that no option should be taken off the table,” he said.

Barak noted the need for action before Tehran reaches nuclear capacity, which Iran insists is only for civilian purposes, in order to prevent Iran from becoming a global menace, the Ha’aretz newspaper reported.

“Whoever says ‘later’, could find that it is too late,” Barak said.

Israeli Vice Prime Minister Moshe Ya’alon also warned on Thursday against the consequences of an “nuclear Iran”, stressing that it could be a “nightmare to the free world.”

However, Ya’alon, who is also the Israeli strategic affairs minister and former Israel Defense Force chief of staff, said that the West could carry out a military strike against any of Iran’s nuclear facilities.

“Any facility defended by a human being can be penetrated,” he said, “Any facility in Iran can be hit, and I speak from experience as the IDF chief of staff.”

Earlier Thursday, Israel’s director of military intelligence, Maj.-Gen. Aviv Kochavi, told the Herzliya conference that Iran is prepared now to produce nuclear bombs.

http://news.xinhuanet.com/english/world/2012-02/03/c_122649601.htm

__________________________________________________________________________