Tag

, ,

  • Ti piace la Privacy Online? Potresti essere un terrorista (ITA-ENG)

Public Intelligence

[01.02.2012] trad. di Levred per GilGuySparks

Un volantino, progettato dall’FBI e dal Dipartimento della Giustizia per promuovere la segnalazione di sospetti negli Internet café, elenca gli strumenti di base, utilizzati per la privacy online come segni di potenziali attività terroristiche .
Il documento, parte di un programma denominato “Comunità contro il terrorismo”, elenca l’uso di “anonymizer, portali, o altri mezzi per proteggere l’indirizzo IP” come un segno che una persona potrebbe essere impegnata in attività terroristiche o di supporto ad esse. Anche l’uso della crittografia è elencato come attività sospetta assieme alla steganografia, la pratica di usare “software per nascondere i dati crittografati in foto digitali” o altri media. In effetti, il volantino raccomanda che chiunque sia “eccessivamente preoccupato per la privacy” o tenti di “proteggere lo schermo dalla vista degli altri” deve essere considerato sospetto e potenzialmente impegnato in attività terroristiche.

FBI – Potential Indicators of Terrorist Activities

Anche l’accesso su un conto associato a un provider di servizi Internet residenziale (come Comcast o AOL), un’attività che potrebbe semplicemente indicare che siete in viaggio, è considerata un attività sospetta. Anche guardare i contenuti correlati a “tattiche militari” tra cui manuali o “letteratura rivoluzionaria” è considerato un indicatore potenziale di attività terroristiche. Ciò significa che la visualizzazione di un certo numero di siti web, compreso quello nel quale siete in questo momento, potrebbe essere interpretato da un dipendente sventurato come un’attività altamente sospetta che, potenzialmente, si collega al terrorismo.

I “potenziali indicatori di attività terroristiche” contenuti nel volantino non sono da intendersi solo come un segno di attività terroristiche e il documento [in calce] annota che “solo perché i discorsi di qualcuno, le azioni, le credenze, l’aspetto, o stile di vita sono diversi, ciò non significa che lui o lei sia sospetto.”
Tuttavia, molte delle attività descritte nel documento sono pratiche fondamentali di ogni individuo in ordine alla sicurezza o privacy on line.
L’uso di PGP, VPN, Tor o una qualsiasi delle molte altre tecnologie per l’anonimato e la privacy online sono direttamente prese di mira dal volantino, che viene distribuito alle imprese nello sforzo di promuovere la comunicazione di queste attività.

http://publicintelligence.net/do-you-like-online-privacy-you-may-be-a-terrorist/

***********************************************************************

February 1, 2012 

Public Intelligence

A flyer designed by the FBI and the Department of Justice to promote suspicious activity reporting in internet cafes lists basic tools used for online privacy as potential signs of terrorist activity.  The document, part of a program called “Communities Against Terrorism”, lists the use of “anonymizers, portals, or other means to shield IP address” as a sign that a person could be engaged in or supporting terrorist activity.  The use of encryption is also listed as a suspicious activity along with steganography, the practice of using “software to hide encrypted data in digital photos” or other media.  In fact, the flyer recommends that anyone “overly concerned about privacy” or attempting to “shield the screen from view of others” should be considered suspicious and potentially engaged in terrorist activities.

Logging into an account associated with a residential internet service provider (such as Comcast or AOL), an activity that could simply indicate that you are on a trip, is also considered a suspicious activity.  Viewing any content related to “military tactics” including manuals or “revolutionary literature” is also considered a potential indicator of terrorist activity.  This would mean that viewing a number of websites, including the one you are on right now, could be construed by a hapless employee as an highly suspicious activity potentially linking you to terrorism.

The “Potential Indicators of Terrorist Activities” contained in the flyer are not to be construed alone as a sign of terrorist activity and the document notes that “just because someone’s speech, actions, beliefs, appearance, or way of life is different; it does not mean that he or she is suspicious.”  However, many of the activities described in the document are basic practices of any individual concerned with security or privacy online.  The use of PGP, VPNs, Tor or any of the many other technologies for anonymity and privacy online are directly targeted by the flyer, which is distributed to businesses in an effort to promote the reporting of these activities.

http://publicintelligence.net/do-you-like-online-privacy-you-may-be-a-terrorist/

___________________________________________________________________________