Tag

Reuters by Irene Klotz
[29.03.2012]                                  (trad. di Levred per GilGuySparks)

Cape Canaveral – Un razzo senza equipaggio Atlas 5 è decollato dall’Air Force Station di Cape Canaveral in Florida martedì per mettere in orbita un secondo satellite di allarme missilistico più avanzato. Il razzo di 192 piedi (58 metri) è decollato dalla sua rampa di lancio sul mare alle ore 5:21 pm ora locale (alle 21:21 ora di Greenwich), trasportando il secondo satellite dell’Air Force statunitense Space Based Infrared System Geosynchronous, o GeO2.

Lockheed-Martin-image-of-GEO-2-satellite.-Posted-on-AmericaSpace

Una volta operativa, la sonda entrerà a far parte di una rete di sorveglianza orbitale che analizza continuamente il globo allo scopo di rilevare tracce del lancio di missili.
La firma a infrarossi in uscita nella parte terminale di un missile, noi vediamo quella,” Lo ha affermato il comandante della Forza Aereospaziale, William Shelton, martedì nel corso di una audizione della Commissione Scienza della Camera riguardo al rilevamento di asteroidi e altri oggetti spaziali in arrivo.

Saremo in grado di dire che tipo di missile è. Saremo in grado di dire dove si dirige quel missile. Saremo in grado di dire dove andrà ad impattare“, ha aggiunto Shelton. “Questi sensori a infrarossi possono essere utilizzati per altre cose, ma non possono essere usati per prevedere cose al di fuori della Terra“, ha detto.

Il satellite, costruito dalla Lockheed Martin va ad unirsi ad uno identico, Geo1, lanciato nel maggio 2011. Ognuno è dotato di due sensori a infrarossi, uno che analizza continuamente il globo per il lancio di missili, e l’altro, che può osservare su un punto fisso.

Lo Space Based Infrared System (Sistema a Infrarossi su Base Spaziale) supporta e, infine, andrà a sostituire la precedente rete satellitare del Defense Support Program (Programma di Sostegno della Difesa) che opera da 40 anni.
Direi che il sistema di allarme missilistico nazionale è fondamentale ora, forse ancora di più di quanto non fosse durante la Guerra Fredda“, ha detto James Planeaux, che sovraintende al Sistema Spaziale ad Infrarossi dell’Air Force.

Certamente, le minacce missilistiche strategiche e tattiche si sono moltiplicate sia in numero e che nel tipo. Stiamo modernizzando i sistemi nazionali in modo da restare assolutamente in grado [di fronteggiare ndt] le minacce di oggi.” La rete con base nello spazio ha rilevato quasi 200 lanci di missili nel 2011 e  ulteriori 1.700 “eventi particolari a raggi infrarossi“, ha detto Planeaux.

Ritengo, con alcune delle attività che stiamo osservando in tutto il mondo anche quest’ anno, che stiamo assistendo ad un aumento del numero di lanci globali di missili“, ha detto Planeaux. Venerdì scorso, il segretario alla Difesa Chuck Hagel ha annunciato l’intenzione di dispiegare altri 14 missili intercettori addizionali in Alaska a protezione contro le crescenti minacce dalla Corea del Nord e dall’Iran.

I dati della rete di monitoraggio a base spaziale dell’esercito fornisce ai missili intercettori informazioni di posizionamento e tracciamento. Geo1 non è ancora stato messo in servizio operativo a causa di un problema di comunicazione dei dati, ma il lavoro per garantirne il monitoraggio in tempo reale dovrebbe essere completato entro il 1 ottobre, ha affermato Planeaux.

Il collaudo del Geo2 è atteso entro la fine del 2013. Due ulteriori satelliti sono in fase di realizzazione per essere lanciati, rispettivamente, nel 2015 e nel 2016, e un successivo contratto per un’ulteriore coppia dovrebbe essere assegnato quest’anno, ha aggiunto Planeaux. Il lancio di martedì è stato il 69mo per la produttrice di razzi United Launch Alliance, una partnership di Lockheed Martin e Boeing, fondata nel 2006.

http://www.reuters.com/article/2013/03/19/space-launch-idUSL1N0CBH2B20130319

display_image.cgi

******************************************************************************

  • U.S. sends new satellite into space to monitor missile launches

By Irene Klotz

CAPE CANAVERAL, Fla., March 19 (Reuters) – An unmanned Atlas 5 rocket blasted off from Cape Canaveral Air Force Station in Florida on Tuesday to put a second upgraded missile-warning satellite into orbit.

The 192-foot (58-meter) rocket lifted off from its seaside launch pad at 5:21 p.m. EDT/2121 GMT, carrying the U.S. Air Force’s second Space Based Infrared System Geosynchronous, or Geo2, satellite.

Once operational, the spacecraft will join an orbital surveillance network that continually scans the globe for telltale signs of missile launches.

“The infrared signature coming out the back end of a missile, we see that,” Air Force Space Commander William Shelton said on Tuesday during a House Science Committee hearing about detecting incoming asteroids and other space objects.

“We’ll be able to tell you what type of missile it is. We’ll be able to tell you where that missile is going. We’ll be able to tell you where it’s going to impact,” Shelton added.

“Those infrared sensors can be used for other things, but they can’t be used for predictive things out beyond Earth,” he said.

The satellite, built by Lockheed Martin joins an identical craft, Geo1, launched in May 2011. Each are equipped with two infrared sensors, one which continually scans the globe for missile launches, and the other which can stare at a fixed point.

The Space Based Infrared System supplements and eventually will replace the predecessor Defense Support Program satellite network which has been operating for 40 years.

“I would argue that the nation’s missile warning system is critical now, perhaps even more so than it was during the Cold War,” said James Planeaux, who oversees the Air Force’s Infrared Space Systems directorate.

“Certainly, strategic and tactical missile threats have proliferated in both number and type  We’re modernizing the nation’s systems so we remain highly capable against today’s threats.”

The space-based network detected nearly 200 missile launches in 2011 and an additional 1,700 “special infrared events,” Planeaux said.

“I believe with some of the activity we’re seeing around the world even this year, we’re seeing an increase in the number of global missile launches,” Planeaux said.

On Friday, Defense Secretary Chuck Hagel announced plans to deploy 14 additional missile interceptors in Alaska to guard against increased threats from North Korea and Iran.

Data from the military’s space-based monitoring network feeds missile interceptors positioning and tracking information.

Geo1 has not yet been put into operational service due to a data communications issue, but work to certify it for real-time monitoring should be completed by Oct. 1, Planeaux said.

Geo2’s certification is expected to follow before the end of the year.

Two more satellites are being built for launch in 2015 and 2016, respectively, and a follow-on contract for an additional pair is expected to be awarded this year, Planeaux added.

Tuesday’s launch was the 69th for rocket manufacturer United Launch Alliance, a partnership of Lockheed Martin and Boeing that was established in 2006.

http://www.reuters.com/article/2013/03/19/space-launch-idUSL1N0CBH2B20130319

SBIRS GEO2 in B/158 Deployment Bay prior to ship to the Cape for launch.

__________________________________________________________________