Tag

, ,

RT
[28.03.2013]         (trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks)

La Camera bassa russa ha ricevuto un nuovo disegno di legge che propone fino a cinque anni di carcere per chi pubblicamente nega l’Olocausto o chi ritrae i nazisti come eroi.

Lo sponsor del progetto di legge è Boris Shpigel, un membro della Camera Alta che ha recentemente presentato le sue dimissioni dopo essere stato eletto presidente del gruppo internazionale dei diritti ‘Mondo senza nazismo’, poiché le leggi russe non consentono ai senatori di ricoprire cariche importanti nelle organizzazioni straniere o internazionali.

i7f6c1c76aa68998b7804e44c0bf57354_rian_00494808.hr.ru-copy.si

Il nuovo disegno di legge propone di modificare l’articolo del Codice Penale in materia di incitamento all’odio o all’umiliazione della dignità umana. L’attuale progetto criminalizzerebbe la riabilitazione del nazismo, il rappresentare i nazisti o i loro aiutanti come eroi, la negazione dell’Olocausto e anche l’umiliazione della dignità delle persone o gruppi sulla base di sesso, razza, etnia, lingua, retroterra, religione o appartenenza ad un gruppo sociale. Questi reati saranno perseguiti se commessi in pubblico o sui mass media.
Le modifiche punirebbero tali crimini con multe che vanno da 100.000 a 300.000 rubli (da $ 3.300 a $ 10.000), con lavoro correzionale per un massimo di due anni o, nei casi più gravi, con pene detentive fino a due anni. Se il fatto è commesso attraverso abuso di ufficio o con minacce di violenza, le multe sono sollevate a 500.000 rubli (sotto i $ 17.000) e una pena detentiva massima di cinque anni.

La legge russa impone una punizione per incitamento all’odio razziale ed etnico e i movimenti nazisti sono fuori legge nel paese. Tuttavia, queste norme non sono state formalizzate in un unico atto legislativo. Lo scorso maggio, l’Assemblea parlamentare del blocco politico della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) a guida russa, ha approvato un progetto di legge volto a contrastare la glorificazione del nazismo, che ritiene prioritaria la punizione obbligatoria per tali crimini.

Le forze dell’ordine russe hanno inoltre rilevato un aumento del sentimento nazionalista nella società e hanno chiesto una rapida approvazione di leggi per combattere questa minaccia.

Il progetto di legge della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) ha anche proposto l’istituzione di un corpo speciale per contrastare la riabilitazione del nazismo, che informerebbe la società sul problema e presenterebbe relazioni annuali. Tuttavia, questa disposizione non è stata inserita nel disegno di legge russo.

http://rt.com/politics/denial-holocaust-criminalize-moves-russia-853/

Russian March held in Moscow

***************************************************************************

  • Russia moves to criminalize Holocaust denial

RT
[28.03.2013]

The Russian lower house has received a new bill suggesting up to five years in prison for publicly denying the Holocaust or portraying Nazis as heroes.

The sponsor of the bill is Boris Shpigel, an Upper House member who recently submitted his resignation after being elected president of international rights group ‘World without Nazism,’ as Russian laws do not allow senators to hold leading posts in foreign or international organizations.

The new bill suggests amending the Criminal Code article on inciting hatred or humiliation of human dignity. The current draft would criminalize the rehabilitation of Nazism, portraying Nazis or their aides as heroes, Holocaust denial and also humiliating the dignity of individuals or groups on the basis of gender, race, ethnicity, language, background, religion or belonging to a social group. These offenses would be prosecuted if committed in public or in mass media.

25.si

The amendments would punish such crimes with fines ranging from 100,000 to 300,000 rubles (from $3,300 to $10,000), correctional labor for up to two years or, in severe cases, prison terms of up to two years. If the crime is committed through abuse of office or together with threats of violence, the fines are raised to 500,000 rubles (under $17,000) and a maximum prison term of five years.

Russian law mandates punishment for inciting racial and ethnic hatred, and Nazi movements are outlawed in the country. However, these norms have not been formalized into a single legislative act. Last May, the Parliamentary Assembly of the Russian-led Commonwealth of Independent States (CIS) political bloc approved a model law aimed at countering the glorification of Nazism, prioritizing mandatory punishment for such crimes.

Russian law enforcement has also noted a rise in nationalist sentiment in society, and called for rapid approval of laws to combat this threat.

The CIS model law also suggested the establishment of a special body to counter the rehabilitation of Nazism, which would inform society about the problem and present annual reports. However, this provision was not included in the Russian bill.

http://rt.com/politics/denial-holocaust-criminalize-moves-russia-853/

____________________________________________________________________________