Tag

, , , , ,

[16.04.2013] di Jonathan Horowitz & Stacy Cammarano
(trad. di Levred per GilGuySparks)

Dopo gli attacchi dell’11 Settembre contro gli Stati Uniti, la CIA ha tramato con decine di governi alla costruzione di un programma segreto di consegne straordinarie e di detenzione che ha abbracciato il mondo.
Le consegne straordinarie sono trasferimenti, senza un legale processo, di un prigioniero alla custodia di un governo straniero allo scopo di detenerlo e interrogarlo.

Il programma era concepito a protezione dell’America. Ma, come descritto nel nuovo report della Open Society Justice Initiative, spogliava le persone dei loro diritti più elementari, agevolava forme raccapriccianti di tortura, a volte catturava persone sbagliate, e sviliva la reputazione sui diritti umani (sic! ndt) degli Stati Uniti in tutto il mondo.

Vietnam_571054a

Ad oggi, gli Stati Uniti e la maggior parte degli altri governi coinvolti, più di 50 in tutto, si sono rifiutati di riconoscere la loro partecipazione, risarcire le vittime, o di considerare responsabili le persone incaricate maggiormente del programma e dei suoi abusi. Qui sono riportati 20 fatti ulteriori dal nuovo report che mettono in luce quanto brutale ed errato fosse il programma:

  1. Almeno 136 persone sono state, secondo quanto riportato, oggetto di consegna straordinaria o detenute segretamente dalla CIA e almeno 54 governi hanno riferito di aver partecipato al programma della CIA di detenzioni segrete e di consegne straordinarie; documenti governativi classificati potrebbero rivelarne molti altri.
  2. Una serie di memorandum del Dipartimento di Giustizia ha autorizzato metodi di tortura che la CIA ha messo in atto sui detenuti. L’amministrazione Bush si è riferita a questi metodi come “a tecniche di interrogatorio“.”Tecniche di interrogatorio” che includevano “walling” (tirare rapidamente un detenuto in avanti e poi spingerlo contro una falsa parete flessibile), “water dousing“, “waterboarding“, “posizioni stressanti” (costringere il detenuto a rimanere in posizioni del corpo progettate per indurre disagio fisico), “wall standing“(costringere il detenuto a rimanere in piedi con le braccia tese davanti a sé in modo che le dita tocchino un muro a 4-5 piedi (1,20 -1,50 metri) di distanza e a sostenere tutto il suo peso corporeo), “confino in luogo angusto” dentro una scatola, “insult slap” (schiaffeggiare il detenuto sul viso con le dita divaricate), “facial hold” (mantenere la testa di un detenuto temporaneamente immobile durante un interrogatorio con le palme su entrambi i lati del viso), “attention grasp” (afferrare il detenuto con entrambe le mani, una mano su ciascun lato dell’apertura del collare, e trascinarlo bruscamente verso l’inquisitore), nudità forzata, privazione del sonno mentre sta incatenato verticalmente, e manipolazione del vitto quotidiano.

    2104419905_6f9b19d4d9

  3. Il presidente Bush ha dichiarato che circa un centinaio di detenuti sono stati sottoposti al programma di detenzione segreta della CIA, circa un terzo dei quali sono stati interrogati con l’utilizzo di “tecniche avanzate di interrogatorio“.
  4. L’ispettore Generale dell’Ufficio della Cia ha investigato, secondo quanto riferito, su una serie di “consegne erronee“, in cui la CIA aveva rapito e arrestato le persone sbagliate. Un ufficiale della CIA ha detto al Washington Post: “Hanno preso le persone sbagliate, che non avevano informazioni. In molti, molti casi c’era solo qualche vago legame” con il terrorismo.
  5. Un cittadino tedesco Khaled El-Masri è stato sequestrato in Macedonia perché era stato scambiato per un sospetto di Al Qaeda con un nome simile. E’ stato tenuto in isolamento e brutalizzato in Macedonia e in un luogo segreto di detenzione della CIA in Afghanistan. Il 13 dicembre 2012, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto che la Macedonia avesse violato i diritti di El-Masri ai sensi della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, e ha scoperto che i maltrattamenti da lui subiti da parte della CIA all’aeroporto di Skopje in Macedonia corrispondevano a tortura.
  6. Wesam Abdulrahman Ahmed al-Deemawi fu sequestrato in Iran e fu tenuto per 77 giorni nella “Dark Prison” della CIA in Afghanistan. In seguito fu tenuto a Bagram per 40 giorni e sottoposto a privazione del sonno, appeso al soffitto con le braccia nella posizione detta “strappado” (in Italia nota come tratto di corda ndt), minacciato da cani, costretto a guardare video di tortura, e sottoposto a suoni di seghe elettriche accompagnati da grida di dolore.strappado-torture
  7. Diversi ex addetti agli interrogatori ed esperti di antiterrorismo hanno confermato che “gli interrogatori coercitivi” sono inefficaci. Il Colonnello Steven Kleinman, Jack Cloonan, e Matthew Alexander hanno dichiarato in una lettera al Congresso che la politica di interrogatorio degli Stati Uniti “ha raggiunto costi pesanti” e che “alleati chiave, in alcuni casi, si sono rifiutati di condividere le informazioni necessarie, gli attacchi terroristici sono aumentati in tutto il mondo, e Al Qaeda e gruppi di analogo orientamento hanno reclutato una nuova generazione di jihadisti“.
  8. Dopo essere stato oggetto di consegna straordinaria dagli Stati Uniti all’Egitto nel 2002, Ibn al-Shaykh al-Libi, sotto minaccia di tortura per mano di funzionari egiziani, si è inventato informazioni relative alla fornitura ad Al Qaeda, da parte dell’Iraq, dell’addestramento alla fabbricazione di armi chimiche e biologiche.
  9. Nel 2003, l’allora Segretario di Stato Colin Powell relazionò nel suo discorso alle Nazioni Unite queste informazioni falsificate che furono il casus belli contro l’Iraq.
  10. Abu Zubaydah è stato sottoposto al waterboarding almeno 83 volte dalla CIA. L’addetto agli interrogatori del FBI Ali Soufan testimoniò davanti al Congresso di aver strappato “utili informazioni di intelligence” a Zubaydah utilizzando tecniche di rapport-building (costruendo un rapporto ndt), ma che Zubaydah “smise” [di collaborare ndt] dopo essere stato sottoposto al water-boarding.
  11. La tortura è vietata in tutte le circostanze dal diritto internazionale e le denunce di tortura devono essere indagate e punite penalmente. Gli Stati Uniti hanno perseguito gli addetti giapponesi agli interrogatori per aver sottoposto al “waterboarding” i prigionieri statunitensi durante la Seconda Guerra mondiale.
  12. Il 20 novembre del 2002, Gul Rahman morì assiderato in una prigione segreta della CIA in Afghanistan denominata “Pit Salt”, dopo che l’ufficiale della CIA del caso ordinò alle guardie di spogliarlo nudo, incatenarlo al pavimento di cemento e lasciarlo lì durante la notte senza coperte.
  13. Fatima Bouchar fu brutalizzata dalla CIA, e da parte di persone ritenute autorità thailandesi, per diversi giorni nell’aeroporto di Bangkok. Bouchar ha riferito che fu incatenata a un muro e non alimentata per cinque giorni, nel periodo in cui era incinta di quattro mesi e mezzo. Dopo ciò venne oggetto di una consegna straordinaria alla Libia.
  14. La Siria è stata una delle “destinazioni più comuni per sospetti consegnati“, come lo furono l’Egitto e la Giordania. Una struttura carceraria siriana conteneva celle singole che avevano pressapoco le dimensioni di bare. Detenuti segnalano episodi di tortura nei quali si menziona il telaio di una sedia (nota come “Sedia tedesca”) usata per stirare la colonna vertebrale e per le frustate.COV_israelitorture_032406
  15. Muhammed al-Zery e Ahmed Agiza, mentre cercavano asilo in Svezia, furono oggetto di una consegna straordinaria all’Egitto, dove furono torturati con scosse elettriche ai genitali. Al-Zery fu anche costretto a sdraiarsi su un telaio di letto elettrificato.
  16. Abu Omar, un residente in Italia, fu rapito dalle strade di Milano, oggetto di una consegna straordinaria all’Egitto, e detenuto segretamente per quattordici mesi, mentre gli agenti egiziani lo interrogavano e torturavano sottoponendolo a scariche elettriche. Un tribunale italiano ha condannato in contumacia 22 agenti della CIA e un pilota dell’Air Force per il loro ruolo nella consegna straordinaria di Abu Omar.
  17. Note prigioni segrete (black sites) gestite dalla CIA su suolo straniero – esistevano in Afghanistan, Lituania, Marocco, Polonia, Romania e Thailandia.
  18. Abd al Rahim al Nashiri fu detenuto segretamente in vari black sites. Mentre era segretamente detenuto in Polonia, addetti agli interrogatori statunitensi sottoposero al Nashiri ad una finta esecuzione con un trapano elettrico mentre stava in piedi nudo e incappucciato; lo torturarono con una pistola semi-automatica premuta contro la testa mentre sedeva ammanettato davanti a loro, lo tennero in “posizioni di stress in piedi, “e lo minacciarono di portare dentro sua madre e stuprarla di fronte a lui.
  19. L’Ordine Esecutivo 2009 del presidente Obama che ripudia la tortura non ripudia il programma di consegne straordinarie della CIA. E’ stato appositamente studiato per preservare l’autorità della CIA di detenere sospetti terroristi su base transitoria di breve periodo prima di sottoporli a consegna ad un altro paese per interrogatorio o processo.
  20. L’Ordine Esecutivo 2009 del presidente Obama ha inoltre istituito una task force interdipartimentale per rivedere le politiche di interrogatorio e di trasferimento ed elaborare raccomandazioni sulle “pratiche di trasferimento di individui di altre nazioni.” La relazione della task force interministeriale è stata redatta nel 2009, ma continua ad essere nascosta al pubblico. Sembra che gli Stati Uniti intendano continuare a fare affidamento su garanzie diplomatiche contro la tortura dei paesi riceventi e sul monitoraggio post-trasferimento del trattamento dei detenuti, ma questi metodi non furono tutele efficaci contro la tortura di Maher Arar, che fu torturato in Siria, o di Ahmed Agiza e Muhammed al-Zery, che furono torturati in Egitto.
  21. La Commissione Ristretta sull’Intelligence del Senato ha completato un rapporto di 6.000 pagine che descrive inoltre nel dettaglio le operazioni di detenzione e di interrogatorio  della CIA con l’accesso a fonti classificate. Tuttavia, la stessa relazione rimane secretata.

http://www.opensocietyfoundations.org/voices/20-extraordinary-facts-about-cia-extraordinary-rendition-and-secret-detention

WATERBOARDING-100028216764

*************************************************************************

  • 20 Extraordinary Facts about CIA Extraordinary Rendition and Secret Detention

February 5, 2013   by Jonathan Horowitz & Stacy Cammarano

After the 9-11 attacks against the United States, the Central Intelligence Agency conspired with dozens of governments to build a secret extraordinary rendition and detention program that spanned the globe. Extraordinary rendition is the transfer—without legal process—of a detainee to the custody of a foreign government for purposes of detention and interrogation.

The program was intended to protect America. But, as described in the Open Society Justice Initiative’s new report, it stripped people of their most basic rights, facilitated gruesome forms of torture, at times captured the wrong people, and debased the United States’ human rights reputation world-wide.

To date, the United States and the vast majority of the other governments involved—more than 50 in all—have refused to acknowledge their participation, compensate the victims, or hold accountable those most responsible for the program and its abuses. Here are 20 additional facts from the new report that expose just how brutal and mistaken the program was:

  1. At least 136 individuals were reportedly extraordinarily rendered or secretly detained by the CIA and at least 54 governments reportedly participated in the CIA’s secret detention and extraordinary rendition program; classified government documents may reveal many more.
  2. A series of Department of Justice memoranda authorized torture methods that the CIA applied on detainees. The Bush Administration referred to these methods as “enhanced interrogation techniques.” “Enhanced interrogation techniques” included “walling” (quickly pulling the detainee forward and then thrusting him against a flexible false wall), “water dousing,” “waterboarding,” “stress positions” (forcing the detainee to remain in body positions designed to induce physical discomfort), “wall standing” (forcing the detainee to remain standing with his arms outstretched in front of him so that his fingers touch a wall five four to five feet away and support his entire body weight), “cramped confinement” in a box, “insult slaps,” (slapping the detainee on the face with fingers spread), “facial hold” (holding a detainee’s head temporarily immobile during interrogation with palms on either side of the face), “attention grasp” (grasping the detainee with both hands, one hand on each side of the collar opening, and quickly drawing him toward the interrogator), forced nudity, sleep deprivation while being vertically shackled, and dietary manipulation.
  3. President Bush has stated that about a hundred detainees were held under the CIA secret detention program, about a third of whom were questioned using “enhanced interrogation techniques.”
  4. The CIA’s Office of Inspector General has reportedly investigated a number of “erroneous renditions” in which the CIA had abducted and detained the wrong people. A CIA officer told the Washington Post: “They picked up the wrong people, who had no information.  In many, many cases there was only some vague association” with terrorism.
  5. German national Khaled El-Masri was seized in Macedonia because he had been mistaken for an Al Qaeda suspect with a similar name. He was held incommunicado and abused in Macedonia and in secret CIA detention in Afghanistan. On December 13, 2012, the European Court of Human Rights held that Macedonia had violated El-Masri’s rights under the European Convention on Human Rights, and found that his ill-treatment by the CIA at Skopje airport in Macedonia amounted to torture.
  6. Wesam Abdulrahman Ahmed al-Deemawi was seized in Iran and held for 77 days in the CIA’s “Dark Prison” in Afghanistan.  He was later held in Bagram for 40 days and subjected to sleep deprivation, hung from the ceiling by his arms in the “strappado” position, threatened by dogs, made to watch torture videos, and subjected to sounds of electric sawing accompanied by cries of pain.
  7. Several former interrogators and counterterrorism experts have confirmed that “coercive interrogation” is ineffective. Col. Steven Kleinman, Jack Cloonan, and Matthew Alexander stated in a letter to Congress that that U.S. interrogation policy “came with heavy costs” and that “[k]ey allies, in some instances, refused to share needed intelligence, terrorists attacks increased world wide, and Al Qaeda and like-minded groups recruited a new generation of Jihadists.”
  8. After being extraordinarily rendered by the United States to Egypt in 2002, Ibn al-Shaykh al-Libi, under threat of torture at the hands of Egyptian officials, fabricated information relating to Iraq’s provision of chemical and biological weapons training to Al Qaeda. In 2003, then Secretary of State Colin Powell relied on this fabricated information in his speech to the United Nations that made the case for war against Iraq.
  9. Abu Zubaydah was waterboarded at least 83 times by the CIA. FBI interrogator Ali Soufan testified before Congress that he elicited “actionable intelligence” from Zubaydah using rapport-building techniques but that Zubaydah “shut down” after he was waterboarded.
  10. Torture is prohibited in all circumstances under international law and allegations of torture must be investigated and criminally punished. The United States prosecuted Japanese interrogators for “waterboarding” U.S. prisoners during World War II.
  11. On November 20, 2002, Gul Rahman froze to death in a secret CIA prison in Afghanistan called the “Salt Pit,” after a CIA case officer ordered guards to strip him naked, chain him to the concrete floor, and leave him there overnight without blankets.
  12. Fatima Bouchar was abused by the CIA, and by persons believed to be Thai authorities, for several days in the Bangkok airport. Bouchar reported she was chained to a wall and not fed for five days, at a time when she was four-and-a-half months pregnant. After that she was extraordinarily rendered to Libya.
  13. Syria was one of the “most common destinations for rendered suspects,” as were Egypt and Jordan. One Syrian prison facility contained individual cells that were roughly the size of coffins.  Detainees report incidents of torture involving a chair frame used to stretch the spine (the “German chair”) and beatings.
  14. Muhammed al-Zery and Ahmed Agiza, while seeking asylum in Sweden, were extraordinarily rendered to Egypt where they were tortured with shocks to their genitals.  Al-Zery was also forced to lie on an electrified bed frame.
  15. Abu Omar, an Italian resident, was abducted from the streets of Milan, extraordinarily rendered to Egypt, and secretly detained for fourteen months while Egyptian agents interrogated and tortured him by subjecting him to electric shocks. An Italian court convicted in absentia 22 CIA agents and one Air Force pilot for their roles in the extraordinary rendition of Abu Omar.
  16. Known black sites—secret prisons run by the CIA on foreign soil—existed in Afghanistan, Lithuania, Morocco, Poland, Romania, and Thailand.
  17. Abd al Rahim al Nashiri was secretly detained in various black sites. While secretly detained in Poland, U.S. interrogators subjected al Nashiri to a mock execution with a power drill as he stood naked and hooded; racked a semi-automatic handgun close to his head as he sat shackled before them; held him in “standing stress positions;” and threatened to bring in his mother and sexually abuse her in front of him.
  18. President Obama’s 2009 Executive Order repudiating torture does not repudiate the CIA extraordinary rendition program.  It was specifically crafted to preserve the CIA’s authority to detain terrorist suspects on a short-term, transitory basis prior to rendering them to another country for interrogation or trial.
  19. President Obama’s 2009 Executive Order also established an interagency task force to review interrogation and transfer policies and issue recommendations on “the practices of transferring individuals to other nations.” The interagency task force report was issued in 2009, but continues to be withheld from the public. It appears that the U.S. intends to continue to rely on anti-torture diplomatic assurances from recipient countries and post-transfer monitoring of detainee treatment, but those methods were not effective safeguards against torture for Maher Arar, who was tortured in Syria, or Ahmed Agiza and Muhammed al-Zery, who were tortured in Egypt.
  20. The Senate Select Intelligence Committee has completed a 6,000 page report that further details the CIA detention and interrogation operations with access to classified sources. However, the report itself remains classified.

http://www.opensocietyfoundations.org/voices/20-extraordinary-facts-about-cia-extraordinary-rendition-and-secret-detention

_____________________________________________________________________________