“Per quanto critiche possano essere la situazione e le circostanze in cui vi trovate, non disperate; è proprio nelle occasioni in cui c’è tutto da temere che non bisogna temere niente; è quando siamo circondati da pericoli di ogni tipo che non dobbiamo averne paura; è quando siamo senza risorse che dobbiamo contare su tutte; è quando siamo sorpresi che dobbiamo sorprendere il nemico.” (Sun Tzu -L’arte della guerra)

“Nella società degli spettacoli il vero non è che un momento del falso.”
(Guy Debord)

“Ci siamo seduti dalla parte del torto perchè tutti gli altri posti erano occupati.” (Bertold Brecht)

___________________________________________________________________

 

  • Herman Morris sulla situazione a Tripoli, Sirte e Bengasi
    [06.10.2011] 

http://www.youtube.com/user/108morris108

___________________________________________________________________

Day 202: 06. october 2011. Libya news

17h / Libia NOTIZIE DAL FRONTE

Libici i principali oleodotti, raffinerie e grandi giacimenti di petrolio.
Mentre le città di Ghadames, Tiji, Badr Al Harush, Kufra, Tobruk, Albayda, Derna, Al Marrl, Al Biar, Al Brega, Ras Lanuf, Sirte, Beni Walit, che comprendono la maggior parte dei pozzi di petrolio sono nelle mani dei lealisti libici, si capisce finalmente il perché del blackout dei media occidentali sta diventando sempre più potente.
L’entrata in guerra e le tribù tuareg dell’Algeria
I Tuareg hanno inflitto brillantemente pesanti perdite ai mercenari della CNT/NATO. La sconfitta ha causato la morte di decine di ribelli, più consistenti perdite materiali.
Bengasi: c’è solo il centro della città che rimane nelle mani dei rinnegati. Molti civili si rifiutano di seguire le raccomandazioni della CNT e issano la bandiera verde.
Tripoli: pesanti combattimenti tra lealisti e ribelli si sono svolti a Tripoli. Il capo militare di Tripoli, l’islamista Abdel Hakim BelHadj è fuggito dalla città dopo aver minacciato i membri della CNT che si rifiutano di prendere ordini.
Tribù algerine hanno stipulato un patto con i leader tribali in un comunicato libico intitolato “La guerra per la liberazione del Nord Africa” sotto il silenzio dei media occidentali. Questa è la nascita del fronte del Nord Africa contro la NATO.
Pesanti combattimenti sono stati segnalati ieri a Ghadames, una delle loro roccaforti Touareg che i bombardamenti NATO hanno evitato per paura che la situazione non avesse un escalation nelle zone di confine con l’Algeria e la Tunisia.
Derna è completamente libera da questa mattina. Non vi è una sola canaglia in città. I ribelli golpisti hanno sofferto pesanti perdite di uomini e materiali.
Al-Baida: pesanti combattimenti continuano in città con quasi il 50% della città, ripresa da parte delle autorità legittime della Libia.

http://libyasos.blogspot.com/p/news.html

  • Libia: combattimenti continuano a Bani Walid
    [06.10.2011]

Pesanti combattimenti sono proseguiti mercoledì tra le truppe del Consiglio nazionale di transizione (CNT) e le forze fedeli al deposto leader libico Muammar Gheddafi per la città di Bani Walid, sud-est della capitale Tripoli, dice una fonte militari del CNT a Xinhua.

Questa fonte, che ha chiesto l’anonimato, ha detto che i soldati pro-Gheddafi avevano lanciato attacchi con missili e colpi di mortaio sparati contro le forze del CNT dislocati alla periferia di Bani Walid, 180 km da Tripoli, uccidendo diverse persone e costringendo le truppe del CNT per ritirarsi per alcuni chilometri.

Le truppe del CNT hanno risposto al fuoco, ma avrebbe avuto bisogno di munizioni aggiuntive per contrastare i violenti attacchi lanciati dalle forze fedeli a Gheddafi che controllano la città, ha detto la fonte. […]

http://french.cri.cn/621/2011/10/06/444s256531.htm

http://news.xinhuanet.com/english2010/world/2011-10/06/c_131175865.htm

  • Aggiornamenti sulla Libia
    [06.10.2011] da nsnbc del Dr. Christof Lehmann

All’interno città di Tripoli la situazione è diversa. Il tentativo di avere nuovi uomini ai posti di blocco che sono stati stabiliti dopo gli ordini da parte di Abdelhakim Belhadj, ieri è fallito, come era fallito il giorno prima. Cecchini lealisti controllano la maggior parte di Tripoli. Sulla piazza Verde, una pattuglia di otto combattenti del CNT sono finiti sotto il fuoco e tutti quelli all’interno dell’auto sono stati uccisi. Ieri pomeriggio i membri del CNT hanno evacuato il Bab Africa Hotel nella città di Tripoli dopo che il combattimento è giunto troppo vicino per il comfort. All’interno della città  di Bengasi che è assediata dalle forze libiche, le fazioni della Tribù Obeidi sono arrivate a pesanti scontri tra di loro dopo che i leaders tribali hanno discusso l’assassinio del generale Younis da parte dei membri dell’associato di Al Qaeda, Gruppo combattente islamico libico alias Consiglio Militare di Tripoli.

Dopo il riconoscimento internazionale del TNC presso le Nazioni Unite e la liberazione dei  beni libici finora congelati, i ricavi del petrolio stanno diventando un fattore cruciale per il controllo del paese. Ieri, forze speciali libiche hanno attaccato e distrutto gli impianti di produzione del più grande giacimento di petrolio della Libia.

Un esperto di intelligence russo ha comunicato a nsnbc che migliaia di nuovi combattenti tribali attraverso il Nord Africa non si sono ancora manifestati nel numero previsto, a causa delle estreme sfide logistiche. Una è il coordinamento e la comunicazione con la Struttura di Comando Libica. Un’altra è stabilire aree di sosta sicure. Considerando il predominio assoluto della NATO in aria tutti i movimenti di massa sarebbero individuati immediatamente.

Dr. Christof Lehmann
http://nsnbc.wordpress.com/2011/10/06/new-attack-on-sirte-at-closing-of-nato-summit/


____________________________________________________________________________

  • Abdel Hakim Belhadji ferito da un proiettile a Tripoli?
    [06.10.2011]


Secondo il sito web della resistenza libica Zangetna, il governatore militare di Tripoli Abdelhakim Bel Hadj è stato ferito da un proiettile vicino al Club Al-Ittihad a Tripoli da alcuni uomini armati della tribù di Alzentan. E’ stato portato all’ospedale di Meïtka. Secondo indiscrezioni sarà trasportato in un ospedale in Italia.


http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201110-A6350/gouverneur-militaire-tripoli-abdelhakim-bel-hadj-ete-blesse-par-balle-tripoli.html


___________________________________________________________________


  • L’Eni teme che il più grande campo petrolifero libico sia in rovina
    “La Resistenza ha distrutto tutto”

    [05.10.2011]

TRIPOLI, 5 OTTOBRE 2011 (Reuters) – Italiano petrolifere Eni teme che il suo più grande giacimento di petrolio in Libia, conosciuto come Elephant, possono essere in rovina, che potrebbe far precipitare le speranze di un rapido ritorno delle forniture libiche dei mercati globali dopo mesi di guerra.

Uno dei volontari è andato con una squadra di 10 combattenti ribelli, che lo hanno accompagnato per un rilevo di due-tre ore nel quale ha preso delle immagini del disastro“, il responsabile libico delle operazioni dell’ENI, Mustafa Abougfeefa, lo ha detto in un’intervista.

Il campo, che pompava 130.000 barili di petrolio al giorno prima della guerra, è stato trovato in rovina, con il suo aeroporto completamente distrutto insieme ai monitor cruciali e alle fondamentali strutture elettroniche, ha detto.


Non possiamo promettere che il campo inizierà a produrre prima della fine dell’anno. La milizia di Gheddafi ha distrutto tutto“, ha detto Abougfeefa.

Il processo potrebbe durare anche più a lungo, perché l’area rimane un focolaio, dove gli scontri tra ribelli e truppe Gheddafi continuano.

La scala del danno scoperto a El Feel, noto come il campo Elefante per le sue dimensioni, era in netto contrasto con le condizioni dei campi minori dell’Eni di Abu Atiffel e di Wafa, che hanno già iniziato la produzione a un tasso combinato di 76.000 barili al giorno, circa il 30 per cento sotto i loro livelli di produzione pre-guerra.

http://af.reuters.com/article/libyaNews/idAFL5E7L54LE20111005

 _________________________________________________________________

Successo delle operazioni militari a Sirte, Zuara, Garjuna e distrutto oleodotto
[05.10.2011]

– La resistenza nazionale ha distrutto la principale conduttura di petrolio dalla Libia, El Feel, noto come il campo Elefante, per impedire il saccheggio del petrolio da parte della società italiana ENI.

– I fronti occidentali e orientali a Sirte hanno visto il successo delle operazioni dell’Esercito e della tribù Warfala. Ad ovest hanno predisposto numerose trappole che hanno distrutto 4 tank delle milizie filo-NATO. Sul fronte est è stato realizzato  un attacco che ha provocato la morte di 13 terroristi e ha distrutto due carri armati. I nemici si sono ritirati.

– Nella regione di Garjuma un attacco con cecchini ha posto fine alla vita del comandante Jomoa Suk mentre cercava di attaccare Beni Walid. Un altro capo di nome Eljamis Abdelsalam è stato catturato e sfilato in un veicolo per le strade di Bani Walid a mendicare perdono  dal popolo.

– La Resistenza a Zuara ha attaccato con armi pesanti  il nemico.

http://www.algeria-isp.com/depeches/politique-libye/201110-D1434/libye-des-nouvelles-front-ghalboun-garjouma-tajoura-octobre-2011.html

http://www.facebook.com/AlJamahiria#!/pages/Libya-Liberal-Youth-to-publish-the-facts-for-Libya-tomorrow/135809009826863

http://resistencialibia.info/?p=1059

_______________________________________________________________________

  • Situazione di stallo militare Sirte asacerba le contraddizioni tra ribelli libici
    [05.10.2011]

Ulises  per Canales 5

Tripoli, 5 ott (Prensa Latina)

Truppe libiche e ribelli, la NATO son ricorsi ai trucchi della disinformazione di nuovo oggi per giustificare la stagnazione della sua offensiva a Sirte, nonostante tre settimane di attacchi indiscriminati sui fedeli a Muammar Gheddafi. Rapporti che provengono dalle sponde della città mediterranea, situata circa 360 chilometri ad est di Tripoli, hanno riferito che continuano gli spari dell’artiglieria pesante dei ribelli e i bombardamenti aerei della NATO. I padroni dell’auto-nominato Consiglio nazionale di transizione (CNT) hanno concentrato cannoni, piattaforme lancia razzi e altri  arsenali per intensificare gli attacchi e consolidare il controllo del distretto di Abu Hadi Qasr, nel sud della Sirte e hanno detto di vincere per il fine settimana. Fonti dei ribelli hanno anche sostenuto, allo stesso tempo, che gli insorti si sono stabiliti in una vicina base militare, che si presume fu comandata da Saadi Gheddafi, il figlio del leader libico, che si ignora dove si trovi dalla fine di agosto. Con il supporto di comandanti militari dalla città orientale di Bengasi e da quella occidentale di Misratah, i ribelli hanno valutato di importante valore strategico la conquista di Qasr Abu Hadi allo scopo di tagliare un percorso possibile di rifornimento dei combattenti fedeli a Gheddafi. Tuttavia, le truppe ribelli non sono state in grado di rompere la forte resistenza da parte dei lealisti governativi e continuano a stare ancora bloccati a circa cinque miglia dal centro della Sirte, presumibilmente a causa della preoccupazione per la sorte dei civili catturati in quella zona (n.d.t. ???). I media occidentali hanno citato un certo numero di insorti, secondo cui i civili che sono riusciti a lasciare la città loro ha commentato che principale ospedale Ibn Sina è diventato un “quartier generale” di pro-Gheddafi, con nascondigli di armi all’interno del complesso. Allo stesso modo, le versioni dei ribelli hanno detto che lancia granate e dispositivi  di mortai sono disposti intorno al centro di cura che è stato bombardato dalla NATO nel momento in cui una squadra ha visitato il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Residenti hanno detto ai media regionali che queste accuse erano infondate e così come che si era reso operativo un “centro di operazioni militari” sotto il reparto di maternità, come sottolineò un insorto per spiegare il ritardo con cui prevedere l'”assalto finale” a Sirte . La verità è che i seguaci di al-Gheddafi mantengono il controllo di aree strategiche della città e il fuoco dei cecchini ha impedito il progresso degli insorti, lo hanno riferito testimoni e lo hanno ammesso anche alcuni insorti. Il personale della CICR che poterono fornire aiuto medico ieri dopo vari tentativi falliti, hanno ribadito la loro preoccupazione per la carenza di forniture mediche che hanno trovato nell’ospedale Ibn Sina, e per l’assedio militare del CNT che limita gli aiuti umanitari.

http://resistencialibia.info/?p=1063

____________________________________________________________________

  • Tanto per cambiare i ribelli si danno al saccheggio
    [06.10.2011]

ABU Hadi, Libia – Dopo aver catturato questa frazione, un centro della tribù di Muammar Gheddafi, combattenti rivoluzionari sono dati ad una baldoria di vendetta, saccheggiando e bruciando case e allontanandosi con l’oro, i mobili e persino le automobili. […]

Gaddafi Libya

http://www.huffingtonpost.com/2011/10/05/libya-gaddafi-fighters-looting_n_997154.html

_______________________________________________________________________________